Il Consiglio federale licenzia due ordinanze concernenti la legge sull’alcool

Berna, 28.09.2018 - Nella sua seduta del 28 settembre 2018, il Consiglio federale ha licenziato due ordinanze concernenti la legge sull’alcool (LAlc) parzialmente rivista nel 2016. Queste rappresentano la base per la liberalizzazione del mercato dell’etanolo a partire dal 1° gennaio 2019 nonché per il versamento di 60 milioni di franchi provenienti dal capitale proprio dell’ex Regìa federale degli alcool (RFA) all’assicurazione per la vecchiaia, i superstiti e l’invalidità.

Nell’autunno 2016, le Camere federali hanno approvato la revisione parziale della LAlc. Con l’ordinanza licenziata in data odierna, il Consiglio federale crea le condizioni necessarie per l’abolizione del monopolio federale sul mercato dell’etanolo. Il mercato dell’etanolo verrà così liberalizzato dal 1° gennaio 2019. In linea di massina, a partire da tale data chiunque potrà importare etanolo (alcol industriale). Attualmente, quasi tutto l’alcol industriale consumato in Svizzera viene importato dall’estero.

Il Consiglio federale ha inoltre licenziato un’ordinanza in virtù della quale 60 milioni di franchi provenienti dal capitale proprio della RFA verranno utilizzati per finanziare i contributi della Confederazione all’assicurazione per la vecchiaia, i superstiti e l’invalidità. In seguito alla revisione parziale della LAlc nel 2016, il 1° gennaio 2018 la RFA è stata integrata, dal punto di vista organizzativo, nell’Amministrazione federale delle dogane (AFD). Da allora i suoi compiti sono stati assunti dalla divisione Alcol e tabacco dell’AFD, con sede a Delémont.


Indirizzo cui rivolgere domande

David Marquis, sostituto del capo della Comunicazione, Amministrazione federale delle dogane AFD
Tel. +41 58 462 67 43, medien@ezv.admin.ch



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale delle finanze
https://www.efd.admin.ch/efd/it/home.html

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-72345.html