Fusione fra BLS e RM: Confederazione e Cantoni vogliono sfruttare le sinergie in modo rapido e sistematico

Berna, 15.04.2005 - I principali proprietari della BLS Lötschbergbahn AG (BLS) e della Regionalverkehr Mittelland (RM), cioè i Cantoni Berna, Lucerna, Soletta e la Confederazione, hanno deciso di procedere alla fusione, in una fase unica, delle due imprese ferroviarie. Le sinergie che ne deriveranno dovranno essere sfruttate in modo rapido e sistematico. La nuova società dovrà essere in grado di operare in maniera competitiva sul futuro mercato del trasporto ferroviario. Questa decisione è stata presa dopo colloqui fra i proprietari e i consigli di amministrazione di BLS e RM.

In futuro le imprese di tutta Europa potranno concorrere alla gestione di collegamenti ferroviari in Svizzera. In vista di questa apertura alla concorrenza e in considerazione della necessità di contenere le spese, la Confederazione, d’accordo con i Cantoni, promuove la concentrazione delle imprese ferroviarie attive sulla rete a scartamento normale in tre grandi ed efficienti operatori. Oltre alle FFS, nella Svizzera orientale dovrà nascere una nuova e forte impresa intorno alla Südostbahn (SOB). Sull’Altopiano, invece, la fusione fra BLS e RM costituirà il nucleo di una terza competitiva impresa ferroviaria.
I preparativi della fusione sono in corso da circa 2 anni. Finora sono emerse opposizioni al processo di fusione in sé e dubbi sulle sue conseguenze. Su invito del Dipartimento dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni (DATEC), i consigli di amministrazione di BLS e RM nonché i competenti membri dei governi dei Cantoni Berna, Soletta e Lucerna si sono incontrati per discutere la questione. Nell’incontro, tutti hanno convenuto che il processo avviato non debba più subire ritardi e che le sinergie individuate debbano essere sfruttate in modo rapido e sistematico. Per garantire condizioni quadro chiare alle ulteriori fasi del progetto, i principali proprietari delle due aziende hanno deciso di effettuare la fusione in un passo unico. In questo modo le due imprese ferroviarie disporranno subito delle dimensioni, delle capacità e del know-how necessari per essere competitive. I committenti delle prestazioni di trasporto partono dal presupposto che, in futuro, queste ultime saranno offerte a prezzi più convenienti.
Prossimi passi
Al momento, le due imprese ferroviarie stanno chiarendo importanti questioni in vista della fusione. Si tratta in particolare dei due diversi sistemi previdenziali (cassa pensioni propria per RM, appartenenza alla ASCOOP per BLS) e del diverso posizionamento dei rispettivi settori merci. La fusione dovrà essere approvata dalle assemblee generali delle due imprese, previste nel mese di giugno 2006, con effetto retroattivo al 1° gennaio 2006.



Pubblicato da

Ufficio federale dei trasporti
https://www.bav.admin.ch/bav/it/home.html

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-723.html