Tariffe elettriche stabili nel 2019

(Ultima modifica 07.09.2018)

Berna, 07.09.2018 - Nel 2019 in Svizzera i prezzi dell’elettricità nell’ambito del servizio universale restano stabili per i nuclei familiari. E’ quanto risulta dai calcoli effettuati dalla Commissione federale dell’energia elettrica (ElCom). L’anno prossimo un nucleo familiare tipo pagherà 20,5 centesimi per chilowattora (2018: 20,4). Mentre le tariffe per l’utilizzazione della rete diminuiscono leggermente (- 2%), le tariffe per l’energia elettrica aumentano (+ 3%).

Entro il 31 agosto 2018, i circa 650 gestori della rete di distribuzione svizzera sono stati incaricati di comunicare ai propri clienti e alla ElCom le tariffe elettriche per il prossimo anno. Dall’anno scorso la ElCom pubblica, oltre alla tariffa del prodotto più economico, anche quella del prodotto standard – quest'ultimo solitamente con plusvalore ecologico. Le valutazioni e i confronti attuali con gli anni precedenti si basano tutti sul prodotto standard. Le tariffe sono composte dalle tariffe per l’utilizzazione della rete, le tariffe dell’energia, i tributi agli enti pubblici e il supplemento rete. Secondo i calcoli dei valori mediani della ElCom, nel 2019 la situazione si presenta come segue: 

  •  Un nucleo familiare tipo, con un consumo annuo di 4’500 chilowattora (profilo di consumo H4), l’anno prossimo pagherà mediamente 20.5 centesimi per chilowattora (ct./kWh), ovvero circa 0,1 ct./kWh in più rispetto al 2018. La fattura annuale sarà quindi pari a 923 franchi (+ 5 franchi). Nel complesso, circa il 56 per cento dei gestori di rete aumenterà le tariffe mentre circa il 44 per cento le diminuirà.
  • Mentre le tariffe per l’utilizzazione della rete (9,2 ct./kWh, - 2%) diminuiscono leggermente, i tributi agli enti pubblici (0,9 ct./kWh) e il supplemento rete (2,3 ct./kWh) rimangono invariati. Le tariffe dell’energia elettrica aumentano da 7,6 ct./kWh a 7,8 ct./kWh (+ 3%).

Una delle ragioni dell’aumento delle tariffe dell’energia è l’incremento dei prezzi di acquisto. Un’altra causa può essere individuata in due modifiche legislative: il premio di mercato per i grandi impianti idroelettrici disciplinato nella nuova legge sull’energia (art. 31 LEne) e il nuovo articolo 6 capoverso 5bis della legge sull’approvvigionamento elettrico stabilito dal Parlamento e che entrerà in vigore con ogni probabilità il prossimo anno. Entrambe le nuove disposizioni consentono ai gestori di rete di computare una buona parte delle energie rinnovabili a costi di produzione comparativamente elevati. Nel caso di alcuni gestori, ciò si ripercuote sulle tariffe applicate ai consumatori finali.

Il quadro per le piccole e medie imprese in Svizzera si presenta analogo a quello dei nuclei familiari: anche nel loro caso le componenti «tariffe per l’utilizzazione della rete, «tributi agli enti pubblici» e «supplemento rete» rimangono costanti, mentre aumentano i prezzi dell’energia.

Su scala nazionale, i prezzi continuano in parte a variare sensibilmente da un gestore di rete all’altro a causa delle differenze nei costi di rete e nelle tariffe dell’energia:

  • Le differenze tra i vari costi di rete risultano dalla topografia del comprensorio d’approvvigionamento, dai diversi comportamenti di consumo dei consumatori finali o dai diversi gradi di efficienza dei gestori di rete.
  • Le diverse tariffe dell’energia elettrica dipendono dalle differenze nel mix dei prodotti ecologici o dalla quota di produzione propria di energia. I gestori di rete titolari di contratti di acquisto di energia vantaggiosi possono offrire l’energia a prezzi più convenienti rispetto a quelli delle aziende con un’elevata quota di produzione propria di energia. Vi sono inoltre differenze considerevoli per quanto concerne i margini di commercializzazione dei gestori di rete.
  • Nel caso di alcuni gestori di rete, influiscono in modo importante i tributi e le prestazioni agli enti pubblici, che variano notevolmente a livello nazionale.

Da subito le tariffe 2019 dei singoli Comuni e gestori della rete di distribuzione possono essere consultate e confrontate sul portale tariffe elettriche della ElCom raggiungibile all’indirizzo www.prezzi-elettricita.elcom.admin.ch.

I dati relativi alle tariffe elettriche sono forniti dai gestori di rete direttamente alla ElCom, che provvede a pubblicarli immediatamente. La responsabilità della qualità dei dati è dei gestori di rete. Circa l’8 per cento di essi non ha trasmesso i dati richiesti entro i termini previsti. Per i relativi comprensori attualmente non è quindi possibile consultare le nuove tariffe. Viste le dimensioni limitate di questi comprensori, i risultati finali probabilmente non muteranno.


Le quattro componenti del prezzo dell'elettricità

1. Tariffa per l'utilizzazione della rete
Prezzo del trasporto dell'energia elettrica sulla rete dalla centrale fino al consumatore. È' determinato dai costi di realizzazione, manutenzione ed esercizio della rete elettrica. 

2. Tariffa dell'energia
Prezzo dell'energia elettrica fornita. Questa energia è prodotta dal gestore di rete con centrali proprie oppure viene da esso acquistata da fornitori.

3. Tributi a enti pubblici
Tributi e tasse comunali e cantonali. Comprendono, per esempio, le tasse di concessione o imposte locali sull'energia.

4. Supplemento rete
Tassa federale per la promozione delle energie rinnovabili, il sostegno ai grandi impianti idroelettrici e il loro risanamento ecologico. L'ammontare della tassa è fissato annualmente dal Consiglio federale; nel 2019 ammonterà presumibilmente come l’anno precedente a 2,3 ct./kWh, il tetto massimo stabilito dalla legge.


Indirizzo cui rivolgere domande

Stefan Burri, Responsabile sezione Prezzi e tariffe
Commissione federale dell’energia elettrica ElCom
3003 Berna
Tel. +41 58 465 40 62
E-mail: stefan.burri@elcom.admin.ch
www.elcom.admin.ch

Simon Witschi, Media e comunicazione
Tel. +41 58 466 08 49
E-mail: simon.witschi@elcom.admin.ch


Pubblicato da

Commissione federale dell’energia elettrica


Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-72073.html