Iniziativa sul personale qualificato trasferita nella politica ordinaria

Berna, 27.06.2018 - L’iniziativa sul personale qualificato (IPQ) è stata lanciata nel 2011 per fare in modo che l’importante tematica del personale qualificato si affermasse come compito politico e per dare impulsi alla ricerca di possibili soluzioni. Dalle valutazioni fatte finora emerge che l’IPQ ha ottenuto buoni risultati e che il tema ha fatto presa. Per questo motivo, il 27 giugno 2018 il Consiglio federale ha deciso di trasferirla nella politica ordinaria. Varie misure, in particolare il coordinamento con i Cantoni e le parti sociali, saranno portate avanti dai servizi competenti.

L’iniziativa sul personale qualificato è stata lanciata nel 2011 per fare in modo che le attività volte a combattere la carenza di personale qualificato si affermassero come compito politico e per dare impulsi al fine di ridurre la dipendenza dalla manodopera straniera. Entrambi gli obiettivi sono stati raggiunti, ma permane la necessità di valorizzare le risorse dei lavoratori locali. Di conseguenza, all’inizio del 2019 l’IPQ verrà trasferita nella politica ordinaria della Confederazione. Per le misure che verranno portate avanti, per esempio il consolidamento e il potenziamento dell’insegnamento e della ricerca della medicina umana, continueranno a essere responsabili i dipartimenti e le unità amministrative competenti. La SECO, che avrà compiti di coordinamento più ridotti, si occuperà come in precedenza delle attività di sensibilizzazione nonché dell’elaborazione di basi decisionali relative alla tematica del personale qualificato.

Iniziativa sul personale qualificato (IPQ)

Avviata nel 2011, l’iniziativa sul personale qualificato è stata progressivamente ampliata fino a comprendere, nella primavera del 2018, 44 misure, la cui attuazione è stata assegnata a cinque dipartimenti (DEFR, DFI, DFF, DFGP, DDPS). Tutto ciò ha dato buoni risultati, come dimostra il secondo monitoraggio sull’IPQ: tra il 2010 e il 2017 l’occupazione è aumentata ogni anno, in media, di circa 18 900 equivalenti a tempo pieno. Sull’intero periodo in esame, ciò corrisponde a un aumento di 132 200 posti a tempo pieno. 

Per quanto riguarda i singoli provvedimenti dell’IPQ, nell’ambito della riqualificazione e specializzazione per attenuare la carenza di personale qualificato non sono mancati i successi. Per esempio, negli ultimi sette anni il numero di diplomati nella professione di operatore sociosanitario AFC è più che raddoppiato: da circa 1500 a 3900. Nel livello terziario, dal 2011 il numero di iscrizioni nel settore delle cure è lievitato a 3350 (+30%).  

Inoltre il Consiglio federale ‒ nei suoi rapporti concernenti l’aumento delle deduzioni fiscali per la custodia extrafamigliare dei figli o le soluzioni per non discriminare fiscalmente le coppie sposate ‒ ha riconosciuto quanto sia importante ai fini della IPQ eliminare i disincentivi finanziari che ostacolano la partecipazione delle donne al mercato del lavoro. È vero tuttavia che questi provvedimenti si tradurranno in un contributo concreto all’IPQ soltanto tra qualche anno. 


Indirizzo cui rivolgere domande

Comunicazione DEFR
Tel. +4158 462 20 07,
info@gs-wbf.admin.ch


Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca
http://www.wbf.admin.ch

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-71337.html