Elezioni nello Zimbabwe: la Svizzera accoglie con favore l’impegno dei partiti politici per prevenire le violenze

Berna, 26.06.2018 - Durante una cerimonia ufficiale martedì a Harare, i partiti politici dello Zimbabwe si sono impegnati a rispettare un codice di condotta per le prime elezioni dopo le dimissioni dell’ex presidente Mugabe. La Svizzera si congratula con tutti i responsabili politici per questo contributo fondamentale alla prevenzione delle violenze e dei brogli elettorali, invitandoli al pieno rispetto degli impegni assunti. Il DFAE, su richiesta dei partiti, ha fornito consulenza durante i negoziati sull’elaborazione del codice di condotta e continuerà ad appoggiare gli sforzi per diffondere il documento, monitorarne l’attuazione e risolvere pacificamente le controversie fino al 30 luglio 2018, giorno previsto per le elezioni.

In un clima segnato dal recente attacco durante un comizio elettorale, i partiti politici dello Zimbabwe hanno ribadito congiuntamente che si assumeranno le proprie responsabilità nello svolgimento di elezioni libere. Hanno inoltre espresso la volontà di contrastare violenze, brogli, intimidazioni e tutta una serie di irregolarità commesse nelle precedenti elezioni. La cerimonia, svoltasi sotto l’egida della Commissione nazionale per la pace e la riconciliazione (NPRC) e dello Zimbabwe Institute, sarà seguita da una campagna di comunicazione. I partiti firmatari prevedono anche di istituire comitati multipartitici per la risoluzione delle dispute elettorali. Hanno inoltre convenuto di imporre sanzioni interne e di rilasciare dichiarazioni pubbliche per dissociarsi da candidati, membri, sostenitori o organizzazioni che non rispettino gli impegni presi. Poiché il codice di condotta dei partiti politici è oramai integrato nella legge elettorale, le autorità potranno sanzionare le eventuali violazioni.

Su richiesta dei partiti e delle istituzioni nazionali coinvolte, dal 2017 la Divisione Sicurezza umana (DSU) del DFAE ha fornito consulenza tecnica e sostegno nei negoziati relativi all’elaborazione del codice di condotta. Inoltre, nella primavera del 2018, ha invitato alcuni leader politici del Paese africano e i membri della Commissione elettorale dello Zimbabwe a Ginevra, per un incontro con esperti, diplomatici e mediatori che potesse servire da fonte di ispirazione per mettere a punto strategie di prevenzione della violenza. In quest’ultima fase del processo elettorale, la DSU continuerà a fornire un supporto per vigilare sul rispetto del codice di condotta, inviando tre osservatori presso la missione di osservazione elettorale dell’Unione europea. Questi interventi si iscrivono nel quadro del mandato del DFAE per la promozione civile della pace, i diritti umani e la democrazia che la Svizzera realizza nello Zimbabwe dal 2014.


Indirizzo cui rivolgere domande

Informazione DFAE
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel.: +41 58 462 31 53
E-Mail: info@eda.admin.ch
Twitter: @EDA_DFAE


Pubblicato da

Dipartimento federale degli affari esteri
http://www.eda.admin.ch/eda/it/home/recent/media.html

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-71329.html