Confronto tra l'UFT e i Cantoni sul futuro dei trasporti pubblici

Berna, 04.05.2018 - In occasione dell'annuale conferenza sui trasporti pubblici i Cantoni e l'Ufficio federale dei trasporti (UFT) si sono confrontati su diversi temi, tra cui la prevista riforma del traffico regionale viaggiatori. Al riguardo, i Cantoni propongono al Consiglio federale di porre in consultazione due varianti di riforma.

Nell'estate 2016 il Consiglio federale aveva incaricato l'UFT e la Conferenza dei direttori cantonali dei trasporti pubblici (CTP) di esaminare in modo approfondito le possibilità per riformare il traffico regionale viaggiatori (TRV). L'UFT e i Cantoni hanno valutato diverse varianti in proposito (cfr. comunicato stampa del 22.9.2017).

Di queste, ne sono state approfondite due: le varianti «ottimizzazione» e «separazione parziale». L'UFT e i Cantoni considerano una buona soluzione sia la prima variante sia la seconda, che si basa sulla prima e la sviluppa ulteriormente. Entrambe rendono la procedura di ordinazione più efficiente e semplice e ne garantiscono la certezza sul lungo periodo. La variante «separazione parziale» accresce il potenziale di sinergie fra traffico locale e traffico regionale: la Confederazione si limita a partecipare all'ordinazione del traffico regionale ferroviario e lascia ai soli Cantoni quella delle autolinee regionali; il finanziamento di queste ultime, cui la Confederazione contribuisce versando l'abituale contributo forfettario indicizzato ai Cantoni, non muta. La variante «ottimizzazione», invece, rafforza l'interazione tra la pianificazione dell'offerta e il relativo necessario finanziamento, nonché lo strumento della convenzione sugli obiettivi.

L'UFT ha inoltre informato i Cantoni sull'esito della procedura di consultazione relativa alla fase di ampliamento dell'infrastruttura ferroviaria 2030/35. Il Consiglio federale trasmetterà il relativo messaggio al Parlamento presumibilmente in autunno.

Si è altresì affrontato l'argomento della digitalizzazione, foriera di cambiamenti quali l'offerta di piattaforme per l’acquisto di biglietti, mezzi di trasporto interconnessi, sistemi di distribuzione aperti o servizi di mobilità multimodale. Il Consiglio federale intende adeguare, d'accordo con i Cantoni, le condizioni generali per permettere questo tipo di soluzioni, focalizzandosi sull'apertura dell'accesso ai dati sul traffico e ai sistemi di distribuzione, come stabilito lo scorso dicembre nell'ambito di un'apposita discussione.


Indirizzo cui rivolgere domande

Ufficio federale dei trasporti
Servizio stampa
+41 (0)58 462 36 43
presse@bav.admin.ch



Pubblicato da

Ufficio federale dei trasporti
https://www.bav.admin.ch/bav/it/home.html

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-70670.html