Il Consiglio federale licenzia la seconda strategia nazionale per la protezione della Svizzera contro i cyber-rischi

Berna, 19.04.2018 - Con la Strategia nazionale per la protezione della Svizzera contro i cyber-rischi (SNPC) 2018–2022, il Consiglio federale tiene conto della crescente importanza dei cyber-rischi. La strategia licenziata in occasione della seduta del 18 aprile 2018 indica come la Confederazione intende far fronte ai cyber-rischi in collaborazione con il mondo economico, i Cantoni e le scuole universitarie e quali misure dovranno essere attuate nei prossimi cinque anni.

I cyber-rischi sono parte integrante del nostro quotidiano. Recentemente hanno destato scalpore importanti ondate di attacchi che hanno provocato ingenti danni in tutto il mondo, ma anche aggressioni mirate e spesso a sfondo politico contro infrastrutture pubbliche a fini di spionaggio o sabotaggio.

La SNPC come base comune

Il Consiglio federale intende combattere attivamente i cyber-rischi e adottare le misure necessarie per preservare la sicurezza della Svizzera contro le minacce provenienti dal cyberspazio. A questo scopo ha licenziato la nuova SNPC per il periodo 2018–2022, basata sui lavori svolti nel quadro della prima strategia (2012–2017). Essa è stata estesa e laddove necessario completata con nuove misure affinché possa rispondere alle minacce attuali. Messa a punto negli ultimi mesi in collaborazione con il mondo economico, i Cantoni e le scuole universitarie, questa seconda SNPC funge da base per la necessaria concentrazione di sforzi comuni volti a ridurre i cyber-rischi.

Diversi provvedimenti

La Strategia stabilisce sette obiettivi ripartiti su dieci campi d’azione molto diversificati che comprendono lo sviluppo di competenze e conoscenze, la promozione della cooperazione internazionale e dei provvedimenti di cyber difesa adottati per rafforzare la gestione degli incidenti e delle crisi, come pure la collaborazione nel perseguimento penale dei cyber-reati e le misure di cyber difesa dell’esercito e del Servizio delle attività informative della Confederazione (SIC). Nella nuova SNPC è stato introdotto un campo d’azione concernente la standardizzazione e la regolamentazione mediante il quale si incarica la Confederazione di collaborare con il mondo economico per sviluppare standard minimi in materia di cyber sicurezza e di esaminare l’introduzione di obblighi di notifica per i cyber incidenti.

Piano di attuazione in corso di elaborazione

Al fine attuare le misure prestabilite nel modo più rapido ed efficiente possibile, la Confederazione sta esaminando le proprie strutture nel settore dei cyber-rischi. Sulla base di questa verifica la Confederazione elaborerà, in collaborazione con i Cantoni, il mondo economico e le scuole universitarie, un piano di attuazione della SNPC nel quale verranno stabilite le responsabilità per i diversi provvedimenti, le risorse da utilizzare e le scadenze da rispettare.


Indirizzo cui rivolgere domande

Roland Meier, portavoce DFF
Tel. +41 58 462 60 86, roland.meier@gs-efd.admin.ch



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale delle finanze
https://www.efd.admin.ch/efd/it/home.html

Ufficio federale della protezione della popolazione
http://www.bevoelkerungsschutz.admin.ch/

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-70482.html