Il Consiglio federale intende incrementare la sicurezza e la professionalità nel campo delle attività a rischio

Berna, 28.03.2018 - Il Consiglio federale intende incrementare la sicurezza dei partecipanti e la professionalità degli offerenti di attività a rischio. Tra l’altro, per le attività svolte a titolo professionale d’ora in poi dovrà essere richiesta un’autorizzazione fin dal primo franco di cifra d’affari. Nella sua seduta del 28 marzo 2018 il Consiglio federale ha posto in consultazione la relativa revisione totale dell’ordinanza sulle attività a rischio.

L’ordinanza concernente l’attività di guida alpina e l’offerta di altre attività a rischio (Ordinanza sulle attività a rischio) è entrata in vigore nel 2014. Da allora il settore delle attività a rischio è mutato; vi sono nuove categorie, nuovi campi di attività e nuovi offerenti. Per continuare a garantire la sicurezza dei partecipanti, il Consiglio federale intende adeguare l’ordinanza alle circostanze attuali.

Nuovi requisiti di sicurezza

Una delle novità è che il Consiglio federale intende modificare la definizione di attività a titolo professionale. Il limite attuale di 2300 franchi all’anno sarà abrogato. Fin dal primo franco svizzero di cifra d’affari, si considererà d’ora in poi che un offerente svolge un’attività professionale e deve quindi ottenere un’autorizzazione cantonale. Pertanto, al fine di proteggere i partecipanti, il Consiglio federale garantisce che tutte le attività a rischio svolte a titolo professionale vengano offerte previa autorizzazione e accoglie una richiesta di attuazione semplificata da parte dei Cantoni e delle organizzazioni di categoria.

Il Consiglio federale intende inoltre introdurre nuove regole per la certificazione delle misure di sicurezza nelle ditte. Tali certificazioni saranno ora soggette a norme ISO che non esistevano ancora al momento dell’emanazione dell’ordinanza. Ciò significa che il DDPS può riconoscere gli organi di certificazione, a condizione che applichino le norme ISO.

Novità nelle diverse categorie professionali

Oltre all’incremento della sicurezza, nel progetto posto in consultazione il Consiglio federale definisce ulteriori requisiti e crea, tra l’altro, nuove opportunità per gli offerenti di diverse categorie professionali per acquisire ulteriori qualifiche attraverso formazioni supplementari e per ampliare il loro campo d’attività. Tra questi figurano gli istruttori di arrampicata, gli accompagnatori di escursionismo o anche gli offerenti di attività in acque vive.


Indirizzo cui rivolgere domande

Lorenz Frischknecht
Portavoce del DDPS
+41 58 484 26 17



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Segreteria generale del DDPS
https://www.vbs.admin.ch/

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-70258.html