Approvato il programma «Formazione professionale 2030»

Berna, 28.02.2018 - La formazione professionale è influenzata dagli sviluppi della società e del mercato del lavoro. Gli effetti di mega-tendenze come la digitalizzazione, l’aumento della mobilità professionale o i cambiamenti demografici portano con sé nuove sfide per i lavoratori e le aziende che devono essere riconosciute tempestivamente. Il programma «Formazione professionale 2030», approvato alla fine di gennaio dalla Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione (SEFRI) e dai partner, fornisce delle risposte a molti interrogativi.

Il programma, elaborato nell’ambito di un processo partenariale inclusivo, intende garantire uno sviluppo costante della formazione professionale che dovrà rappresentare – anche nel 2030 – l’offerta principale per ottenere le qualifiche necessarie al mercato del lavoro. Per raggiungere questo obiettivo occorre rendere le offerte formative più flessibili, il sistema più snello e i processi più efficienti. Inoltre, per dare una risposta alla maggiore mobilità professionale occorre incentivare i percorsi formativi e lavorativi personalizzati. Il partenariato tra la Confederazione, i Cantoni e le organizzazioni del mondo del lavoro viene mantenuto. Compiti, competenze e responsabilità verranno riesaminati per favorire una maggiore trasparenza.

Sulla base del programma i partner hanno approvato alcuni orientamenti strategici e stabilito delle priorità per i prossimi anni da mettere in pratica mediante progetti specifici.

Con l’elaborazione delle linee guida strategiche per la formazione professionale i partner hanno soddisfatto una richiesta espressa durante l’incontro nazionale sulla formazione professionale 2016. Inoltre, hanno dato seguito a una raccomandazione formulata dalla Commissione della gestione del Consiglio nazionale nel suo rapporto concernente la qualità del partenariato della formazione professionale, in cui si invitava il Consiglio federale, i Cantoni e le organizzazioni del mondo del lavoro a proporre una strategia coerente da applicare a lungo termine nell’ambito della formazione professionale.


Indirizzo cui rivolgere domande

Josef Widmer, direttore supplente SEFRI
T +41 58 463 76 12, josef.widmer@sbfi.admin.ch



Pubblicato da

Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l'innovazione
http://www.sbfi.admin.ch

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-69939.html