Firma del regolamento comune sulle acque per le centrali idroelettriche del tratto franco-svizzero del Doubs

Berna, 13.10.2017 - È stato firmato oggi a Biaufond, sulle rive del fiume Doubs, il nuovo regolamento sulle acque per le centrali idroelettriche situate lungo il tratto franco-svizzero di questo corso d'acqua. Dal 2012 le autorità svizzere e francesi hanno messo in atto un importante programma di lavoro per mitigare gli effetti dannosi degli impianti su questo tratto del fiume.

Nel quadro dei lavori in corso dal 2012 sono stati sviluppati, testati e infine formalizzati in un regolamento comune sulle acque nuove modalità di gestione per le tre centrali idroelettriche presenti lungo il fiume Doubs: Le Châtelot, Le Refrain e La Goule. Il nuovo regolamento è stato firmato dal Prefetto del Doubs, Raphaël Bartolt, e dal Direttore dell'Ufficio federale dell'energia, Benoît Revaz. La cerimonia si è svolta sulle rive del Doubs a Biaufond.

Il regolamento comune sulle acque rafforza il principio del coordinamento della gestione delle tre centrali idroelettriche e corregge le rispettive modalità di gestione allo scopo di trovare soluzioni reali ai problemi individuati. Le nuove misure di sfruttamento definite puntano, ad esempio, a ridurre i casi di pesci che rimangono arenati o intrappolati e alla protezione dei fregolatoi e degli avannotti durante un cosiddetto periodo sensibile compreso tra il 1° dicembre e il 15 maggio.

Con l'entrata in vigore del regolamento sulle acque verrà avviato anche un monitoraggio delle nuove misure adottate al fine di studiare gli effetti a medio termine delle decisioni prese. Nell'arco di cinque anni sarà così possibile valutare l'efficacia delle nuove modalità di gestione e adottare eventuali misure complementari.


Indirizzo cui rivolgere domande

UFE: Fabien Lüthi, specialista in comunicazione, 058 465 58 94
DREAL: Patricia Droz, addetta stampa, 033 381 216 718


Pubblicato da

Ufficio federale dell'energia
http://www.bfe.admin.ch

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-68379.html