Pericoli naturali: il Consiglio federale vuole adeguare le basi legali per aumentare la sicurezza

Berna, 16.06.2017 - In seguito ai cambiamenti climatici si prevede per il futuro un aumento dei pericoli naturali come le piene, i crolli di roccia e le valanghe. La sicurezza della popolazione diventerà quindi sempre più importante. Per utilizzare in modo più economico ed efficiente le risorse limitate, il Consiglio federale propone di adeguare una serie di basi legali. Il governo ne ha discusso in occasione della seduta del 16 giugno 2017. Per fine 2019 sarà inoltre pronto un progetto per la consultazione.

Paese alpino per eccellenza, la Svizzera è esposta in modo particolare ai pericoli naturali, come le piene, gli scivolamenti, i crolli di roccia o le valanghe. Occorre quindi proteggere la popolazione e l’economia da tali pericoli. Con la crescente urbanizzazione e il progredire dei cambiamenti climatici, le esigenze in materia di protezione dovrebbero ulteriormente aumentare in futuro. La gestione dei pericoli naturali orientata al futuro deve pertanto essere integrale e tenere conto dei rischi. Non deve limitarsi a prendere in considerazione i pericoli in quanto tali, ma deve valutare anche i rischi che scaturiscono da un determinato tipo di utilizzazione del territorio. Questo approccio integrale, già attuato nella prassi, non è trattato in modo adeguato nella vigente legge del 1991 sulla sistemazione dei corsi d’acqua. Per tale motivo si vuole adeguare in modo mirato questa e altre leggi e ordinanze importanti. Il Consiglio federale ne ha discusso in occasione della sua seduta odierna.

Più sicurezza e maggiore economicità

L’adattamento delle basi legali mira a riconoscere e ridurre in modo sistematico i rischi legati ai pericoli naturali incombenti. In base ai rischi accertati, si può ad esempio determinare quanto denaro investire in misure di protezione. Inoltre, con le stesse risorse utilizzate finora, si vuole garantire ancora meglio e conservare a lungo termine la sicurezza della Svizzera in quanto spazio vitale ed economico. La spesa, sia pubblica che privata, deve essere più sostenibile ed efficiente. L’adeguamento delle basi legali non è soltanto importante ai fini di una protezione efficace della popolazione ma anche utile dal punto di vista economico. Si creeranno inoltre anche le basi per affrontare le sfide future, come l’adattamento ai cambiamenti climatici, che lasciano presagire eventi naturali di grande portata. Il Consiglio federale ha incaricato il DATEC di elaborare entro fine 2019 un progetto per la consultazione sugli adeguamenti delle basi legali proposti.


Indirizzo cui rivolgere domande

Josef Eberli, capo della divisione Prevenzione dei pericoli, UFAM, tel. +41 58 460 56 03
Carolin Schärpf, collaboratrice scientifica, UFAM, tel. +41 58 465 60 99



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Segreteria generale DATEC
https://www.uvek.admin.ch/uvek/it/home.html

Ufficio federale dell'ambiente UFAM
http://www.bafu.admin.ch/it

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-67080.html