La Svizzera firma la Convenzione BEPS

Berna, 07.06.2017 - Il 7 giugno 2017 la Svizzera ha firmato a Parigi la Convenzione multilaterale per l’attuazione di misure relative alle convenzioni fiscali finalizzate a prevenire l’erosione della base imponibile e il trasferimento degli utili. In particolare, la Convenzione consente alla Svizzera di rendere più efficiente l’adeguamento di convenzioni per evitare le doppie imposizioni agli standard minimi concordati nell’ambito del progetto BEPS. La Svizzera attuerà tali standard o nel quadro della Convenzione multilaterale o tramite la negoziazione bilaterale delle convenzioni per evitare le doppie imposizioni.

Nel mese di ottobre 2015, l’OCSE ha approvato i risultati finali del progetto per la lotta contro l’erosione della base imponibile e il trasferimento degli utili («Base Erosion and Profit Shifting», BEPS). Alcune misure definite in tale sede prevedono la modifica delle convenzioni per evitare le doppie imposizioni (CDI). Un gruppo di oltre 100 Stati e territori, tra cui la Svizzera, ha elaborato una Convenzione multilaterale («Convenzione BEPS») con cui adeguare in modo rapido ed efficiente le esistenti CDI alle disposizioni introdotte dal progetto BEPS. Al mondo si contano più di 3500 CDI. Il 24 novembre 2016, la Convenzione BEPS è stata formalmente approvata e pubblicata.

In virtù della Convenzione BEPS saranno adeguate per ora le CDI della Svizzera con l’Argentina, il Cile, l’India, l’Islanda, l’Italia, il Liechtenstein, la Lituania, il Lussemburgo, l’Austria, la Polonia, il Portogallo, il Sudafrica, la Repubblica ceca e la Turchia. Gli Stati menzionati sono disposti a convenire con la Svizzera il tenore esatto degli adeguamenti da apportare alle CDI esistenti conformemente alla Convenzione BEPS. Qualora si dovessero raggiungere altre intese in merito all’attuazione tecnica della Convenzione BEPS con altri Stati, le rispettive CDI potranno essere modificate successivamente anch’esse sulla base della Convenzione BEPS. In alternativa è possibile adottare gli standard minimi del progetto BEPS mediante un adeguamento bilaterale della relativa CDI.

Sul piano materiale, la Convenzione BEPS consente innanzitutto di adottare gli standard minimi del progetto BEPS afferenti alle CDI. Questi prevedono di integrare il preambolo delle CDI precisandone lo scopo, di recepire una clausola contro l’uso illecito di convenzioni e di adeguare le disposizioni per la risoluzione delle controversie nel quadro di accordi amichevoli. In linea con la propria politica in materia di CDI, la Svizzera si dichiara favorevole all’adozione della clausola arbitrale definita nella Convenzione BEPS.

Verso la fine del 2017 il Consiglio federale avvierà una procedura di consultazione relativa alla Convenzione BEPS. Prima di entrare in vigore, quest’ultima sarà sottoposta alle ordinarie procedure di approvazione. 


Indirizzo cui rivolgere domande

Frank Wettstein, Comunicazione, Segreteria di Stato per le questioni finanziarie internazionali SFI
tel. +41 58 462 38 56, frank.wettstein@sif.admin.ch



Pubblicato da

Dipartimento federale delle finanze
https://www.efd.admin.ch/efd/it/home.html

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-66981.html