La sicurezza di approvvigionamento al cen-tro dell'attenzione

Berna, 01.06.2017 - Berna, 1.6.2017 – La sicurezza di approvvigionamento della Svizzera sarà, anche nel 2017, una delle priorità della Commissione federale dell'energia elettrica ElCom. Se, a parere della ElCom, essa è, da una parte, garantita a breve termine, dall'altra, in un'ottica di medio e lungo termine, le sfide si fanno più marcate.

La ElCom ha parlato delle sfide presenti e future in merito alla sicurezza di approvvigionamento e ha presentato il proprio Rapporto d'attività 2016.

Situazione invernale parzialmente tesa
Negli anni scorsi, in Svizzera la sicurezza di approvvigionamento era garantita. Infatti, nel 2016, in Svizzera un consumatore finale ha subito un'interruzione media di soli 19 minuti. Con questo valore la Svizzera occupa uno dei primi posti nel confronto internazionale. Negli scorsi inverni la situazione sul fronte della sicurezza di approvvigionamento è comunque stata talvolta tesa. Durante l'inverno 2015/2016, infatti, lavori di ammodernamento nella rete di trasporto sommati a capacità di produzione ridotte al livello 220kV hanno causato tensioni nella rete e per quanto riguarda l'approvvigionamento. Le misure relative al mercato e alla rete adottate successivamente, la rimessa in funzione della centrale di Beznau 2, come pure il tempo relativamente mite e umido dei mesi invernali hanno sortito un effetto positivo.

Diversa si è presentata la situazione nell'inverno 2016/2017: grazie all'anticipazione dei lavori di manutenzione sulla rete di trasporto e alla costruzione di un ulteriore trasformatore al livello di tensione 380kV e 220kV, la capacità della rete è risultata molto elevata. Allo scopo di ottimizzare la sicurezza di pianificazione delle aziende di approvvigionamento, Swissgrid ha predisposto per tempo le riserve di potenza di regolazione e concluso dei contratti per l'energia di "redispatch". A causa della disponibilità ridotta delle centrali nucleari francesi, belghe e svizzere la situazione sul mercato all'ingrosso era già tesa a inizio inverno. Il tempo molto freddo e secco nel gennaio del 2017 è risultato in un utilizzo massiccio delle riserve di accumulazione svizzere. Ne sono conseguiti livelli dell'acqua a un minimo storico. A inizio febbraio 2017, la ElCom ha istituito il gruppo di lavoro "Inverno", analizzando la situazione e i rischi incombenti in collaborazione con Swissgrid e gli operatori di mercato. Grazie alla maggiore disponibilità delle centrali nucleari, alle temperature più miti e alle precipitazioni nel mese di febbraio, la situazione si è normalizzata.

Aumentano le sfide
A medio e lungo termine, i rischi per quanto riguarda la sicurezza di approvvigionamento aumenteranno: nel caso i prezzi sul mercato all'ingrosso rimangono al livello attuale, mancano gli incentivi economici per aumentare la produzione in Svizzera. L'aumento dell'energia rinnovabile non può compensare la produzione che viene così a mancare in Svizzera. Di conseguenza aumenterà la necessità di importazione e l'importanza delle capacità transfrontaliere nonché della disponibilità di esportazione dei paesi limitrofi.

In vista di un'analisi più approfondita, la ElCom si impegna a chiarire le questioni in merito alla sicurezza di approvvigionamento. Dalle prime valutazioni è emerso che a breve termine la sicurezza di approvvigionamento sarà garantita anche in presenza di diversi fattori critici. La ElCom provvederà ad analizzare ulteriori scenari critici e si riserva, in caso di necessità, la possibilità di proporre al Consiglio federale provvedimenti ai sensi dell'articolo 9 LAEl.

Alla conferenza stampa annuale la ElCom ha inoltre presentato il proprio Rapporto d'attività. Il Consiglio federale ne ha preso atto il 18 maggio 2017. Il rapporto è consultabile sul sito web della ElCom (www.elcom.admin.ch).

La ElCom
La Commissione federale dell'energia elettrica (ElCom) è l'autorità di regolazione statale e indipendente del settore elettrico che vigila sul rispetto della legge sull'approvvigionamento elettrico e della legge sull'energia, emanando le decisioni necessarie.

Veglia sui prezzi dell'elettricità e può ordinare riduzioni o vietare aumenti. Inoltre decide in qualità di autorità giudiziaria in caso di divergenze relative all'accesso alla rete o al pagamento della rimunerazione a copertura dei costi per l'immissione in rete di energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili. Oltre a ciò, sorveglia la situazione sotto il profilo della sicurezza dell'approvvigionamento e disciplina le questioni concernenti il trasporto e il commercio internazionale di energia elettrica.

I membri della Commissione sono nominati dal Consiglio federale.Si tratta di persone indipendenti dal settore elettrico. La ElCom è presieduta dall'ex Consigliere agli Stati Carlo Schmid-Sutter ed è sostenuta da una segreteria tecnica con sede a Berna e diretta dall'avvocato Renato Tami.


Indirizzo cui rivolgere domande

Carlo Schmid-Sutter, Presidente, tel. 079 568 15 85
Renato Tami, Direttore, tel. 079 763 87 28
Simon Witschi, Comunicazione, tel. 079 246 47 42

Commissione federale dell'energia elettrica ElCom
3003 Berna
Tel. +41 58 462 58 33
Fax +41 58 462 02 22
E-Mail: info@elcom.admin.ch
www.elcom.admin.ch



Pubblicato da

Commissione federale dell’energia elettrica


Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-66918.html