Crisi siriana: presa di posizione del DFAE

Berna, 07.04.2017 - In seguito all’uso di armi chimiche in Siria, la Svizzera condanna con fermezza questo crimine di guerra ed esorta il Consiglio di sicurezza a reagire in modo concertato e rapido al fine di evitare un’escalation militare.

In seguito all’uso di armi chimiche in Siria, la Svizzera condanna con risolutezza questo crimine di guerra ed esorta il Consiglio di sicurezza a reagire con rapidità ed efficienza al fine di evitare un inasprimento militare.

La Svizzera si rivolge nuovamente alle parti in conflitto, e al Governo siriano in particolare, affinché la Commissione d’inchiesta e altre istanze internazionali che si occupano di stabilire i fatti possano accedere al territorio siriano.

La Svizzera privilegia una soluzione politica per la crisi in Siria e continuerà a sostenere non solo gli sforzi per un dialogo comune svolto nel quadro dell’ONU dall’inviato speciale Staffan de Mistura, ma anche il dialogo intra-siriano.


Indirizzo cui rivolgere domande

Comunicazione DFAE
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel.: +41 58 462 31 53
E-Mail: kommunikation@eda.admin.ch
Twitter: @EDA_DFAE


Pubblicato da

Dipartimento federale degli affari esteri
https://www.eda.admin.ch/eda/it/dfae.html

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-66314.html