Prima SR in 2017: circa 6800 reclute attese

Berna, 13.03.2017 - Per il primo inizio delle scuole reclute del 2017, che ha luogo oggi, lunedì 13 marzo 2017, l'esercito prevede l'entrata in servizio di circa 6800 reclute, tra cui 100 donne. Circa 880 reclute assolveranno il loro servizio in un unico periodo come militari in ferma continuata.

Si potranno esprimere dei commenti in merito agli effettivi definitivi e al numero di militari licenziati dopo la prima settimana di SR al più presto dal 27 marzo 2017.

Sospensione della chiamata in servizio per 43 future reclute

L'esercito vuole impedire che persone potenzialmente pericolose per sé stesse e per il proprio entourage possano assolvere la scuola reclute. Per tale ragione, in occasione del reclutamento viene eseguita da parte del Servizio specializzato per i controlli di sicurezza relativi alle persone un'analisi dei rischi per quanto riguarda le persone soggette all'obbligo di leva. Prima della SR primaverile sono state disposte 43 sospensioni della chiamata in servizio. Questo a seguito di episodi verificatisi dopo che il reclutamento era già stato superato.

Consulenza e assistenza per le reclute

Le reclute che hanno bisogno d'aiuto possono beneficiare di consulenza e assistenza medica, spirituale, psicologica e sociale. Per le questioni di carattere personale possono rivolgersi direttamente al proprio comandante, al medico di truppa, al cappellano militare (numero di telefono 0800 01 00 01), al Servizio psicopedagogico (numero di telefono 0800 11 33 55) o al Servizio sociale dell'esercito. Il Servizio sociale dell'esercito offre il proprio sostegno, in particolare nelle questioni finanziarie. Tale Servizio è raggiungibile al numero di telefono 0800 855 844.


Indirizzo cui rivolgere domande

Daniel Reist
Capo Relazioni con i media Difesa
+41 58 464 48 08


Pubblicato da

Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport
http://www.vbs.admin.ch

Aggruppamento Difesa
http://www.vtg.admin.ch

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-65975.html