Garantire l’approvvigionamento: un compito per diversi attori

Berna, 02.12.2016 - L’Approvvigionamento economico del Paese deve agire a livello interdisciplinare. Solo così è possibile individuare tempestivamente rischi complessi e superare le crisi di approvvigionamento. Sono queste le conclusioni del rapporto 2013-2016 sull’AEP, di cui il Consiglio federale ha preso visione il 2 dicembre 2016.

Nel periodo in esame (2013-2016) l’Approvvigionamento economico del Paese (AEP) ha rivalutato, in base al proprio processo strategico, i rischi per l’approvvigionamento. Inoltre ha analizzato nel dettaglio il proprio orientamento strategico, soffermandosi anche sull’efficacia e sull’operatività di strumenti e misure. Questo ciclo quadriennale si conclude con il rapporto sull’AEP, che passa in rassegna le principali attività, descrive le lacune da colmare e annuncia le prossime sfide.

I processi di approvvigionamento sono esposti a rischi sempre più difficili da prevedere. Tra il 2013 e il 2016 l’AEP è dovuto intervenire a causa di una carenza di oli minerali e del ripetuto esaurimento degli stock di medicinali. Ogni volta si è dovuto ricorrere alle scorte obbligatorie. Inoltre, la carenza di prodotti a base di oli minerali dell’autunno 2015 ha dimostrato che crisi di questo tipo sono dovute a una serie di fattori molto diversi.


Indirizzo cui rivolgere domande

Simon Schläppi, addetto alla comunicazione
Ufficio federale per l’approvvigionamento
economico del Paese UFAE
Tel. 058 462 21 85



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca
http://www.wbf.admin.ch

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-64778.html