Messaggio concernente gli emendamenti al Protocollo UNECE sui metalli pesanti

Berna, 26.10.2016 - Il Protocollo della Commissione economica per l’Europa delle Nazioni Unite (UNECE) sui metalli pesanti è stato adeguato allo stato della tecnica. Il Consiglio federale ha approvato in data odierna il messaggio concernente gli emendamenti al Protocollo. La Svizzera si impegna a ridurre ulteriormente le proprie emissioni di metalli pesanti e l’inquinamento atmosferico da polveri fini, a beneficio della salute della popolazione e dell’ambiente.

Il Protocollo dell’UNECE, firmato nel 1998, è stato adeguato allo stato della tecnica. Gli emendamenti riguardano ad esempio gli impianti per l’incenerimento di rifiuti urbani, gli impianti a combustione industriali, le acciaierie o i cementifici. Grazie alle norme vigenti nel nostro Paese, gli impianti svizzeri soddisfano già le nuove esigenze. Poiché gli obiettivi del Protocollo sono conformi alla normativa svizzera, non hanno ripercussioni sull’economia. Inoltre, gli emendamenti non comporteranno oneri finanziari o di personale supplementari né per la Confederazione né per i Cantoni.

Per la Svizzera, la stipula di un accordo efficace che limiti l'inquinamento atmosferico in Europa è di notevole interesse, poiché è direttamente colpita dalle emissioni generate dagli altri Paesi. Per questo motivo ha partecipato attivamente alla revisione del Protocollo, in conformità con gli obiettivi del piano d’azione federale del 2006 contro le polveri fini. Il messaggio concernente gli emendamenti al Protocollo UNECE verrà sottoposto alle Camere federali per approvazione.


Indirizzo cui rivolgere domande

Sezione Media, UFAM, tel. +41 58 462 90 00
E-mail: medien@bafu.admin.ch



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Segreteria generale DATEC
https://www.uvek.admin.ch/uvek/it/home.html

Ufficio federale dell'ambiente UFAM
http://www.bafu.admin.ch/it

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-64254.html