Mobility pricing: sperimentabilità al vaglio del Consiglio federale

Berna, 30.06.2016 - La maggior parte dei Cantoni considera il mobility pricing uno strumento idoneo per migliorare l’utilizzo dell’infrastruttura stradale e ferroviaria esistente e per decongestionare il traffico nelle ore di punta: è quanto emerso dall’indagine conoscitiva sul Piano strategico elaborato dal Consiglio federale. Il Dipartimento dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC) è stato ora incaricato di esaminare insieme ai Cantoni e ai Comuni interessati la possibilità di condurre progetti pilota e di verificare il quadro giuridico necessario.

La mobilità in Svizzera è in crescita: entro il 2030 si prevede un aumento del trasporto su gomma e rotaia di circa il 25%, stando ai modelli di calcolo. Accanto agli interventi di potenziamento, di per sé costosi, vale quindi la pena analizzare le possibilità di sfruttare al meglio l’infrastruttura esistente, affrontando una delle grandi sfide del trasporto sia privato sia pubblico: la forte oscillazione della domanda, a seconda della fascia oraria, con treni affollati e strade intasate al mattino e alla sera, mentre nel resto della giornata spesso si viaggia più comodi. Il mobility pricing punta a un utilizzo più omogeneo. Dopo aver vagliato diverse varianti, un anno fa il Consiglio federale ha lanciato un’indagine conoscitiva sulla bozza di un piano strategico, i cui risultati vedono la maggior parte dei Cantoni, partiti e associazioni essenzialmente favorevoli al sistema.

Su queste premesse il Consiglio federale ha varato il Piano strategico definitivo, con l’obiettivo a lungo termine di meglio ripartire sull’arco dell’intera giornata la domanda di mobilità attraverso un sistema di tassazione commisurata all’uso e sfruttare in maniera più equilibrata possibile le infrastrutture stradali e ferroviarie. La Confederazione considera infatti il mobility pricing anzitutto uno strumento per risolvere i problemi di capacità, non per finanziare le infrastrutture: per la mobilità non si deve pagare di più, ma diversamente, ed essa deve rimanere alla portata di tutti. Il sistema è finalizzato a una gestione efficiente delle infrastrutture di trasporto, volto a incentivare la tariffazione basata sull’utilizzo secondo la logica del pagamento a consumo applicata a strade e ferrovie.

La fase successiva consiste nell’esame da parte del DATEC della possibilità di condurre progetti sperimentali in collaborazione con quei Cantoni e Comuni che hanno già manifestato il proprio interesse in occasione dell’indagine conoscitiva (v. riquadro). Questi test intermodali di durata limitata consentiranno di raccogliere esperienze e chiarire i quesiti ancora aperti, in particolare riguardo alle implicazioni socio-economiche di un tale cambio di sistema.

Al contempo il DATEC verificherà il quadro giuridico: per la sperimentazione è necessaria una legge federale, almeno temporanea.

Il Piano strategico fungerà da base per una discussione più ampia. L’introduzione degli strumenti di mobility pricing non avverrà da un giorno all’altro, ma rientra in un progetto di lungo periodo che richiede uno stretto coordinamento di tutte le parti interessate. Per ovviare ai disagi nelle ore di punta è opportuno promuovere anche altre misure, tra cui modelli di orario di lavoro flessibile, orari di lezione diversi, telelavoro e car pooling.

Vivo interesse per i progetti sperimentali

Lo svolgimento di esperimenti pilota, limitati nello spazio e nel tempo, tesi a valutare il mobility pricing e importanti per capirne l’impatto reale su traffico, economia, ambiente e assetto territoriale, ha avuto un riscontro prevalentemente positivo fra i partecipanti all’indagine conoscitiva. I Cantoni di Ginevra, Ticino e Zugo, la città di Rapperswil-Jona e la regione di Berna hanno manifestato la propria disponibilità a valutare l’ipotesi di svolgere progetti sperimentali nel proprio territorio. Oltre a chiarire il contesto giuridico, la Confederazione condurrà quindi anche dei colloqui con i soggetti interessati (Cantoni, agglomerati, città).


Indirizzo cui rivolgere domande

Servizio stampa dell’Ufficio federale delle strade
+41 58 464 14 01



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Segreteria generale DATEC
https://www.uvek.admin.ch/uvek/it/home.html

Ufficio federale delle strade USTRA
http://www.astra.admin.ch

Ufficio federale dei trasporti
https://www.bav.admin.ch/bav/it/home.html

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-62452.html