Politica regionale: si è conclusa la riforma delle agevolazioni fiscali

Berna, 03.06.2016 - Nella sua seduta del 3 giugno 2016 il Consiglio federale ha approvato la revisione totale dell’ordinanza concernente la concessione di agevolazioni fiscali in applicazione della politica regionale. Le modifiche principali riguardano l’introduzione di un importo massimo, l’adeguamento delle zone di applicazione in considerazione della politica d’assetto del territorio e una maggiore trasparenza sulle agevolazioni fiscali concesse. Le nuove disposizioni entreranno in vigore il 1° luglio 2016.

Il Consiglio federale ha oggi approvato l’ordinanza concernente la concessione di agevolazioni fiscali in applicazione della politica regionale sottoposta a revisione (ordinanza del Consiglio federale) e ne ha deciso l’entrata in vigore per il 1° luglio 2016. Basandosi sui risultati della valutazione esterna delle agevolazioni fiscali, nel mese di ottobre del 2013 il Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca (DEFR) aveva ricevuto l’incarico di presentare al Consiglio federale una riforma delle agevolazioni fiscali nell’ambito della politica regionale.

La revisione pone nuove basi per l’ordinanza del Consiglio federale e le ordinanze del DEFR sulle zone di applicazione e sulle disposizioni di applicazione. Le modifiche principali riguardano:

  1. l’introduzione di un importo massimo affinché le agevolazioni fiscali siano sempre in rapporto con i posti di lavoro previsti;
  2. l’adeguamento delle zone di applicazione in considerazione della politica d’assetto del territorio;
  3. l’introduzione di una maggiore trasparenza sulle agevolazioni fiscali concesse;
  4. modifiche di ordine tecnico che integrano le esperienze acquisite.
Maggiore trasparenza
Nell’intento di fare delle agevolazioni fiscali uno strumento valido a lungo termine e favorirne l’accettazione sul piano politico sia a livello nazionale che internazionale, per le future agevolazioni fiscali verranno pubblicati il nome dell’impresa, il luogo di realizzazione del progetto e l’ordine di grandezza dei posti di lavoro da creare o da riorientare. Verrà anche introdotto un requisito relativo alla decisione cantonale di agevolazione fiscale, ossia l’applicazione di un importo massimo per le agevolazioni fiscali cantonali nel caso in cui venga presentata una proposta di agevolazione fiscale federale.

Modificate le zone di applicazione
Il DEFR ha modificato le zone di applicazione in materia di agevolazioni fiscali dopo aver svolto un’indagine conoscitiva presso i Cantoni. L’elenco dei Comuni del perimetro di promozione figura nell’ordinanza del DEFR, sottoposta a revisione, sulla determinazione dei Comuni appartenenti alle zone di applicazione in materia di agevolazioni fiscali (ordinanza del DEFR sul perimetro). Le zone di applicazione comprendono 93 centri regionali in 19 Cantoni; la precedente quota del dieci percento della popolazione è stata mantenuta.

Con la riforma vengono abrogate le direttive di applicazione del DEFR per la concessione di agevolazioni fiscali nel quadro della legge federale sulla politica regionale. Le disposizioni di tali direttive, completate da una serie di precisazioni, sono state in parte trasposte nell’ordinanza del Consiglio federale. Altre parti e ulteriori disposizioni di applicazione sono contenute nella nuova ordinanza del DEFR concernente la concessione di agevolazioni fiscali in applicazione della politica regionale (ordinanza di applicazione del DEFR). Essa fissa, tra l’altro, i possibili importi massimi di 95 000 franchi per ogni nuovo posto di lavoro da creare e di 47 500 franchi per ogni posto da mantenere.

Dimensione internazionale
Parallelamente ai lavori di revisione sono stati condotti dei colloqui con la Commissione europea e all’interno del Forum dell’OCSE sulle pratiche fiscali dannose (FHTP). Questo scambio ha favorito la comprensione degli obiettivi e del funzionamento delle agevolazioni fiscali come strumento giustificato dalla politica regionale.

Nella primavera del 2015 il FHTP ha deciso che i regimi come quello delle agevolazioni fiscali svizzere concesse nel quadro della politica regionale, che favoriscono gli investimenti e la creazione di posti di lavoro nelle regioni strutturalmente deboli, non richiedono ulteriori analisi e pertanto non necessitano di modifiche. Anche nell’UE è stata riconosciuta la legittimità delle agevolazioni fiscali come strumento della politica regionale.

Entrata in vigore delle ordinanze rivedute
L’ordinanza del Consiglio federale sottoposta a revisione totale entrerà in vigore il 1° luglio 2016, in contemporanea con l’ordinanza del DEFR sul perimetro e l’ordinanza di applicazione del DEFR. Le ordinanze e i commenti precedenti nonché le direttive di applicazione verranno abrogati.


Indirizzo cui rivolgere domande

Martin Godel, vicecapo Direzione promozione della piazza economica, capo settore Politica a favore delle PMI, SECO
Tel. 058 462 29 61, martin.godel@seco.admin.ch



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca
http://www.wbf.admin.ch

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-62007.html