Il Consiglio federale adotta un rapporto sulle prospettive delle cure di lunga durata

Berna, 25.05.2016 - Con l’incremento della speranza di vita aumenta anche l’invecchiamento della popolazione e pertanto cresce il numero delle persone che necessitano di cure. Il Consiglio federale illustra in un rapporto le sfide poste dalle cure di lunga durata e le misure per affrontarle. Le misure già adottate devono ora essere concretizzate ulteriormente in collaborazione con i Cantoni.

Dalle previsioni emerge che entro il 2020 saranno necessari 17 000 nuovi posti di lavoro a tempo pieno per la cura di persone anziane e dovranno essere sostituiti circa 60 000 professionisti della sanità che andranno in pensione. Al contempo bisognerà investire anche nelle strutture assistenziali: da un lato sono necessari sempre più posti letto nelle case di cura, dall’altro occorre aumentare l’offerta nel settore delle cure ambulatoriali. La tendenza a preferire alle case per anziani e di cura forme di assistenza diverse come Spitex o altre strutture intermedie si consoliderà nel futuro. Con l’aumento dell’età anche le cure diventano più complesse, poiché i pazienti soffrono spesso di più malattie contemporaneamente o di demenza.

Secondo le stime, entro il 2045 i costi per le cure di lunga durata triplicheranno rispetto ai circa 6 miliardi di franchi spesi nel 2011. I maggiori interessati da questo aumento saranno i Cantoni e le economie domestiche private. Il rapporto del Consiglio federale indica pertanto a grandi linee le possibili varianti di finanziamento di questi costi (aggiuntivi), che spaziano da un’assicurazione delle cure per coprire i costi d’assistenza, a una formula che copra le sole prestazioni di cura assunte dall’assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie, fino a una soluzione assicurativa globale.

Per affrontare queste sfide sono necessarie misure molteplici. Le più importanti sono quelle di prevenzione finalizzate a prolungare il più possibile l’autosufficienza dei pazienti. A tale scopo occorre innanzitutto aumentare ulteriormente gli sforzi di prevenzione volti a ridurre il rischio d’insorgenza di malattie non trasmissibili. Inoltre è necessario intensificare l’elaborazione di misure di prevenzione specifiche per le persone anziane (p. es. prevenzione delle cadute, promozione dell’attività fisica, miglioramento dell’alimentazione per evitare situazioni di carenza) e quindi adottare provvedimenti per integrare la prevenzione nell’assistenza sanitaria.

Oltre alla prevenzione sono necessarie misure destinate al miglioramento della qualità e dell’efficienza. La promozione delle reti di cure integrate può rendere le cure più efficaci ed efficienti. Tutti i professionisti coinvolti nei trattamenti terapeutici, nelle cure e nell’assistenza sono tenuti ad armonizzare tra di loro le rispettive attività, rendendo più efficaci le proprie prestazioni. In proposito, la Confederazione realizzerà nei prossimi mesi un progetto rivolto principalmente alle persone (molto) anziane affette da malattie plurime. Per queste persone sarà necessario coordinare meglio le varie offerte di cura e i trasferimenti nell’ambito dei rispettivi percorsi clinici. Può trattarsi, ad esempio, della preparazione di una degenza in ospedale oppure del trasferimento da un reparto ospedaliero a una casa di cura.

Confederazione e Cantoni hanno avviato diverse iniziative anche nel settore del personale. Con l’Iniziativa sul personale qualificato il Consiglio federale intende, tra l’altro, rafforzare la collaborazione interprofessionale tra i professionisti della salute e sostenere più efficacemente le persone che assistono i propri familiari.

Si tratta ora di migliorare l’incisività di queste misure già adottate. Il Consiglio federale propone pertanto il pacchetto di misure «Cure di lunga durata» che, oltre a iniziative destinate alle prevenzione, prevede anche misure nei settori dello sgravio delle persone che assistono i congiunti, dell’assistenza, della garanzia della qualità e dell’efficienza nella fornitura delle prestazioni, nonché un monitoraggio della non autosufficienza. La priorizzazione delle misure, il loro allestimento concreto e la definizione delle competenze per la loro attuazione avverranno nel quadro del Dialogo sulla politica nazionale della sanità.

Con questo rapporto il Consiglio federale adempie a tre interventi parlamentari che tematizzano le cure di lunga durata. Si tratta dei postulati «Una strategia per le cure di lunga durata» (12.3604), «Estendere il pilastro 3a per coprire le spese di cura» (14.3912) e «Valutare la possibilità d’introdurre un’assicurazione dei costi di cura quale strumento contro l’erosione del patrimonio» (14.4165).


Indirizzo cui rivolgere domande

Ufficio federale della sanità pubblica, Sezione comunicazione, 058 462 95 05, media@bag.admin.ch



Pubblicato da

Ufficio federale della sanità pubblica
http://www.bag.admin.ch

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-61858.html