Giornata della protezione dei dati 2016: cloud computing e protezione dei dati personali

Berna, 28.01.2016 - I servizi cloud computing offrono una serie di vantaggi rispetto ai supporti di memoria fisici. I rischi connessi con l'uso di questi sistemi sono però considerevoli. Sono il tema affrontato dall’Incaricato federale della protezione dei dati e della trasparenza nell'ambito della manifestazione organizzata per 10a la giornata internazionale della protezione dei dati.

Memorizzare dati in Internet è vantaggioso dal profilo dei costi: per questo motivo sempre più imprese svizzere e PMI affidano l’elaborazione di dati a servizi cloud esterni. Pochi sono tuttavia consapevoli del fatto che la maggior parte di questi servizi non offrono un crittaggio sufficiente dei dati e ricavano un’ampia serie di diritti sui dati personali dei loro clienti. Altrettanto problematico è il fatto che i dati non si trovino più nella propria rete, ma vengono memorizzati in una «nuvola» su un server che si trova quasi sempre all’estero. Siccome gli Stati al di fuori dell’UE di norma non offrono un livello sufficiente di protezione dei dati, l’Incaricato è molto critico riguardo a questa evoluzione. Nell’ambito dei lavori di revisione per la nuova legge sulla protezione dei dati si impegnerà pertanto a far sì che la sfera personale continui ad essere debitamente tutelata in Svizzera, anche riguardo all’evoluzione tecnologica.

In una tavola rotonda aperta al pubblico, Jean-Philippe Walter, Incaricato federale della protezione dei dati e della trasparenza a interim, tratterà oggi con politici e specialisti IT i pericoli connessi al trasferimento dell’elaborazione di dati a servizi cloud in occasione della 10a giornata internazionale della protezione dei dati. La manifestazione è intitolata «Cloud computing: sicurezza nelle gestione dei dati personali dopo la sentenza Safe-Harbor» e avrà luogo a Losanna.

I cittadini interessati possono esprimere la loro opinione sul cloud computing nel blog dell’IFPDT.


Indirizzo cui rivolgere domande

Ufficio stampa dell’Incaricato federale della protezione dei dati e della trasparenza, tel. 058 464 94 10, info@edoeb.admin.ch



Pubblicato da

Incaricato federale della protezione dei dati e per la trasparenza
http://www.edoeb.admin.ch/index.html?lang=it

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-60444.html