Christoph Schelling, ambasciatore e capo della divisione Fiscalità della SFI, diventa membro dell’organo direttivo del Comitato degli affari fiscali dell’OCSE

Berna, 22.01.2016 - Il Comitato degli affari fiscali dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) ha nominato con effetto dal 1° gennaio 2016 Christoph Schelling, ambasciatore e capo della divisione Fiscalità della Segreteria di Stato per le questioni finanziarie internazionali (SFI), quale membro dell’organo direttivo. La durata del mandato è di tre anni.

L’organo direttivo del Comitato degli affari fiscali è competente per la preparazione delle sedute dello stesso Comitato. Nella sua forma estesa (il cosiddetto «Bureau Plus»), esso comprende anche rappresentanti degli Stati membri del G20 che non sono membri dell’OCSE.

Il Comitato degli affari fiscali è l’organo direttivo dell’OCSE per lo sviluppo di raccomandazioni e standard internazionali concernenti le questioni fiscali. Esso elabora il modello di convenzione dell’OCSE che serve da base in tutto il mondo per le oltre 3000 convenzioni bilaterali per evitare la doppia imposizione e si occupa, dal punto di vista tecnico, dello sviluppo di standard internazionali in materia fiscale, in particolare nell’ambito dello scambio di informazioni e dell’imposizione delle imprese (attualmente della lotta contro l’erosione della base imponibile e il trasferimento degli utili; «Base Erosion and Profit Shifting», BEPS). Il Comitato costituisce inoltre una piattaforma per lo scambio di opinioni su questioni amministrative e di politica fiscale. Nel suo lavoro il Comitato è sostenuto da numerosi gruppi di lavoro e forum, con la collaborazione degli Stati partecipanti e del segretariato.


Indirizzo cui rivolgere domande

Anne Césard, Comunicazione, Segreteria di Stato per le questioni finanziarie internazionali SFI
tel. +41 58 462 62 91, anne.cesard@sif.admin.ch


Pubblicato da

Dipartimento federale delle finanze
https://www.efd.admin.ch/efd/it/home.html

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-60405.html