Il Consiglio federale aggiorna l'ordinanza sulle ferrovie

Berna, 18.11.2015 - Il Consiglio federale ha aggiornato in data odierna l'ordinanza sulle ferrovie (Oferr). Il punto principale dell'aggiornamento è la ripartizione dei veicoli ferroviari in due categorie con requisiti diversi, ossia in veicoli interoperabili e non interoperabili. La base delle modifiche è l'attuazione della Riforma delle ferrovie 2.2, nel cui ambito la Svizzera ha recepito importanti elementi delle direttive UE in materia di interoperabilità e sicurezza.

A seguito della Riforma delle ferrovie 2.2, il Consiglio federale ha approvato una revisione parziale dell'Oferr e ha ripartito i veicoli ferroviari in due categorie, ossia in veicoli interoperabili e non interoperabili. La categoria dei veicoli interoperabili comprende in pratica i veicoli a scartamento normale. Questi veicoli devono essere configurati in modo da essere conformi allo standard unitario europeo e da poter circolare sia in Svizzera sia all'estero. Ai veicoli non interoperabili, ossia a quelli a scartamento metrico, tranviari e a cremagliera, si applicano invece prescrizioni nazionali, visto che, di regola, non superano i confini nazionali.

Sono inoltre previsti determinati adeguamenti, ad esempio in materia di sicurezza delle gallerie e di impianti elettrici. Le modifiche entreranno in vigore a scaglioni il 1° gennaio e il 1° luglio 2016.


Indirizzo cui rivolgere domande

Ufficio federale dei trasporti, Settore Informazione
+41 58 462 36 43
presse@bav.admin.ch



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Ufficio federale dei trasporti
https://www.bav.admin.ch/bav/it/home.html

Segreteria generale DATEC
https://www.uvek.admin.ch/uvek/it/home.html

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-59501.html