Il Consiglio federale intende procedere con maggiore sistematicità contro i viaggi a fini terroristici

Berna, 14.10.2015 - Il Consiglio federale intende rafforzare la lotta contro il terrorismo. Mercoledì ha approvato il protocollo addizionale alla Convenzione del Consiglio d’Europa per la prevenzione del terrorismo. Il protocollo punisce in particolare i viaggi a fini terroristici e le relative azioni di finanziamento e sostegno.

Il protocollo addizionale estende la Convenzione del Consiglio d’Europa per la prevenzione del terrorismo, firmata dalla Svizzera già nel 2012, punendo i viaggi a fini terroristici e le relative azioni di finanziamento e sostegno. Il 22 ottobre 2015, a Riga, la Svizzera sarà tra i primi Stati a firmare il protocollo.

Il diritto svizzero dispone già di fattispecie penali che puniscono le attività terroristiche e la loro preparazione. Inoltre, l’articolo 2 della legge federale che vieta i gruppi «Al-Qaïda» e «Stato islamico» nonché le organizzazioni associate punisce la partecipazione a tali organizzazioni, il loro sostegno e la loro promozione. Il Ministero pubblico della Confederazione sta conducendo una buona ventina di procedimenti contro persone affiliate a tali organizzazioni o che hanno intrapreso passi in tal senso.  

Nel quadro del recepimento del protocollo addizionale, il Consiglio federale proporrà una norma penale specifica contro il reclutamento e l’addestramento di terroristi. È inoltre al vaglio una fattispecie a sé stante che sanziona i viaggi a fini terroristici e il loro finanziamento. La punibilità sarà estesa in maniera proporzionata, evitando inutili ingerenze nelle libertà fondamentali.


Indirizzo cui rivolgere domande

Andrea Candrian, Ufficio federale di giustizia UFG, T +41 58 462 97 92



Pubblicato da

Dipartimento federale di giustizia e polizia
http://www.ejpd.admin.ch

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Ufficio federale di giustizia
http://www.bj.admin.ch

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-59073.html