Elezioni federali: un diritto che vale la pena di esercitare

Berna, 07.05.2015 - Per l’elezione del Consiglio nazionale del 18 ottobre 2015 la Cancelleria federale si è prefissata di raggiungere un tasso di partecipazione massimo con un tasso d’errore minimo. A tal fine intende fornire agli elettori informazioni semplici e chiare avvalendosi di Internet e di una guida esplicativa.

La cancelliera della Confederazione, Corina Casanova, invita tutti i cittadini a recarsi alle urne. Come aveva già rilevato in occasione di una conferenza stampa, in una democrazia diretta in cui il popolo è chiamato a votare regolarmente, anche l'elezione dei suoi rappresentanti ha un notevole influsso sulla vita politica del Paese. Cifre alla mano, ha ricordato che negli anni della legislatura 2007-2011 il popolo svizzero si è pronunciato su ben 26 oggetti in votazione, mentre il Parlamento ha adottato 489 atti normativi. Al Parlamento spetta inoltre eleggere il Consiglio federale, il cancelliere della Confederazione, i membri dei tribunali federali e il procuratore generale della Confederazione.

Lo svolgimento delle elezioni spetta ai Cantoni

«I Cantoni sono pronti per le elezioni del 2015», ha dichiarato Peter Grünenfelder, presidente della Conferenza svizzera dei cancellieri di Stato e cancelliere di Stato del Canton Argovia. Il federalismo svizzero prevede infatti che i Cantoni si occupino dello svolgimento delle elezioni federali. Sempre secondo Grünenfelder, è già da alcuni mesi che gli uffici elettorali dei Cantoni stanno prendendo le disposizioni necessarie, istruendo in particolare gli uffici elettorali dei Comuni e le autorità dei distretti. È a suo avviso necessario garantire che il Consiglio degli Stati sia al completo all'inizio della Sessione invernale del 30 novembre 2015; dunque che i secondi turni avvengano a tempo debito.

Una guida e una piattaforma per un'informazione elettorale efficace

La Cancelleria federale propone informazioni semplici e facilmente comprensibili sulle modalità per compilare correttamente la scheda elettorale affinché il voto risulti valido. Gli elettori domiciliati nei Cantoni che applicano il sistema di voto proporzionale riceveranno, insieme al materiale di voto, una guida esplicativa redatta in modo obiettivo e neutro, in cui figura anche una breve presentazione dei partiti rappresentati in Parlamento allestita dai partiti stessi. La guida è completata dalla piattaforma ufficiale per le elezioni www.ch.ch/Wahlen2015, allestita congiuntamente da Cancelleria federale, Servizi del Parlamento, Ufficio federale di statistica e ch.ch. Questa piattaforma vuole essere anzitutto un'istruzione per l'uso concreta e favorire una partecipazione per quanto possibile ampia, proponendo per esempio anche dei video in lingua dei segni.

Quest'anno circa due terzi degli Svizzeri all'estero immatricolali dovrebbero poter usufruire del voto elettronico. Al momento sono 13 (ZH, LU, GL, FR, SO, BS, SH, SG, GR, AG, TG, NE, GE) i Cantoni che intendono offrire loro questa possibilità di partecipare alle urne, la quale dovrebbe essere messa a disposizione anche a una parte degli elettori domiciliati nei Cantoni di Ginevra e Neuchâtel. All'inizio dell'estate il Consiglio federale deciderà l'elenco dei Cantoni che saranno autorizzati a proporre il voto elettronico.


Indirizzo cui rivolgere domande

Comunicazione
Bundeshaus West
CH-3003 Bern
+41 58 462 37 91


Pubblicato da

Cancelleria federale
http://www.bk.admin.ch/index.html?lang=it

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-57150.html