Offerta ferroviaria 2030: maggiore frequenza per il traffico a lunga distanza, tracce migliori per il traffico merci

Berna, 23.03.2015 - Dopo l’approvazione popolare del progetto FAIF, la Confederazione pianifica ora l’offerta ferroviaria post 2030, collaborando a tal fine con Cantoni, operatori del traffico merci e imprese di trasporto. Nei piani d’offerta presentati alla Confederazione gli attori coinvolti hanno sintetizzato le loro esigenze: nel traffico a lunga distanza le FFS prevedono relazioni supplementari sui corridoi principali più congestionati e nel traffico regionale i Cantoni intendono predisporre nuove fermate e introdurre su molte tratte la cadenza semioraria. Infine, nel traffico merci dovranno essere create tracce espresse e individuate soluzioni per le ore di punta.

I programmi d’offerta sono stati elaborati dai Cantoni, riuniti in regioni di pianificazione, dalle FFS e dagli operatori del traffico merci in collaborazione con l’Ufficio federale dei trasporti (UFT) e presentati alla Confederazione a novembre 2014. Questi programmi costituiscono lo strumento di lavoro per la fase di ampliamento 2030 per quanto concerne il traffico merci, regionale e a lunga distanza. L’UFT ha sottoposto a verifica i piani, che per la prima volta sono stati elaborati in questa forma dai partecipanti alla pianificazione. L'Ufficio ha constatato che la maggioranza di essi è in linea con le istruzioni e con le strategie della Confederazione in materia, condizioni indispensabili affinché gli obiettivi d’offerta possano confluire nei lavori futuri.

In una fase successiva i programmi d’offerta del traffico merci, regionale e a lunga distanza saranno armonizzati tra loro. Saranno altresì definite diverse varianti per l’offerta complessiva a partire dal 2030. Infine, l’infrastruttura necessaria per il programma globale sarà definita e valutata. In tale contesto saranno determinate le spese conseguenti per l’esercizio e l’infrastruttura, in modo da realizzare solo i progetti finanziabili a lungo termine. Le misure che otterranno le valutazioni migliori saranno inserite nella fase di ampliamento 2030 del Programma di sviluppo strategico dell’infrastruttura ferroviaria (PROSSIF).
L’UFT aggiornerà regolarmente i partecipanti alla pianificazione sullo stato dei lavori. La consultazione sulla fase di ampliamento 2030 è prevista per il 2017.

Accogliendo circa un anno fa il progetto FAIF (finanziamento e ampliamento dell’infrastruttura ferroviaria), il Popolo e i Cantoni hanno dato il proprio assenso alla definizione di nuovi processi di pianificazione e di competenze in materia di finanziamento per l’infrastruttura ferroviaria. Questi nuovi strumenti saranno applicati per la prima volta nella pianificazione della fase di ampliamento 2030, che sarà sviluppata su incarico del Parlamento e con il coinvolgimento degli organi interessati.


Indirizzo cui rivolgere domande

Ufficio federale dei trasporti
Servizio stampa
+41 (0)58 462 36 43
presse@bav.admin.ch


Pubblicato da

Ufficio federale dei trasporti
https://www.bav.admin.ch/bav/it/home.html

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-56645.html