Nuove disposizioni per l'immatricolazione di imbarcazioni sportive

Berna, 16.03.2015 - L'Ufficio federale dei trasporti (UFT) ha sottoposto a revisione l'ordinanza sulla navigazione interna (ONI) e l'ordinanza sulle emissioni di gas di scarico di motori di battelli (OGMot). Il motivo di tale revisione è l'entrata in vigore, nel febbraio 2016, di una nuova direttiva dell'UE che disciplina l'omologazione dei motori di imbarcazioni sportive. Per far in modo che dal 2016 sia ancora possibile immatricolare in Svizzera, con una procedura semplificata, le imbarcazioni provenienti dall'UE, vengono adeguate le prescrizioni sulle emissioni foniche e i gas di scarico come pure le disposizioni sui fanali di posizione. Per quanto concerne le prescrizioni ambientali, l'UFT mantiene la regolamentazione più severa della Svizzera.

A partire da febbraio 2016 le imbarcazioni sportive potranno entrare in servizio nell'UE solo se saranno conformi alla nuova direttiva sulle imbarcazioni da diporto (2013/53/UE). Per fare in modo che dal 2016 sia ancora possibile immatricolare in Svizzera, con una procedura semplificata, imbarcazioni provenienti dall'UE, l'UFT adegua le relative ordinanze come ha già fatto in occasione di modifiche precedenti della legislazione UE. Le modifiche, che riguardano soprattutto le prescrizioni sul rumore e i gas di scarico, mirano a ridurre le emissioni acustiche delle imbarcazioni sportive e i gas di scarico particolarmente nocivi come gli idrocarburi incombusti. Gli adeguamenti riguardano anche le disposizioni sui fanali di posizione di queste imbarcazioni. Non sono invece interessati dalle modifiche le imbarcazioni sportive già immatricolate e i motori omologati, che possono restare in servizio.

Le prescrizioni ambientali della nuova direttiva UE non sono recepite integralmente: laddove sono più severe, restano in vigore le disposizioni svizzere. In giugno 2008 il Consiglio federale aveva esplicitamente approvato queste deroghe al diritto dell'UE.

L'indagine conoscitiva sulle modifiche delle ordinanze si concluderà il 26 maggio 2015.


Indirizzo cui rivolgere domande

Ufficio federale dei trasporti
Servizio stampa
+41 (0)58 462 36 43
presse@bav.admin.ch



Pubblicato da

Ufficio federale dei trasporti
https://www.bav.admin.ch/bav/it/home.html

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-56574.html