La Svizzera intraprende un ulteriore passo verso l’introduzione dello scambio automatico di informazioni

Berna, 19.11.2014 - In data odierna il Consiglio federale ha approvato una dichiarazione relativa alla partecipazione della Svizzera all’accordo multilaterale concernente lo scambio automatico di informazioni in ambito fiscale. Questo accordo internazionale, elaborato nel quadro dell’OCSE, costituisce una delle basi per la futura introduzione dello scambio automatico di informazioni transfrontaliero. Con quali Stati la Svizzera introdurrà questo scambio di dati non dipenderà dalla firma della convenzione multilaterale; esso sarà sottoposto separatamente in prosieguo di tempo al Parlamento.

Con l'ausilio del nuovo standard internazionale per lo scambio automatico di informazioni si intende impedire la sottrazione d'imposta transfrontaliera. Il 29 ottobre 2014, a margine dell'assemblea annuale plenaria del «Forum globale sulla trasparenza e sullo scambio di informazioni a fini fiscali» (Forum Globale) a Berlino, 51 Stati e territori hanno firmato l'accordo multilaterale delle autorità competenti sullo scambio automatico di informazioni relative ai conti finanziari (Multilateral Competent Authority Agreement, MCAA). Come gli altri Stati che hanno firmato il MCAA a Berlino, la Svizzera ha indicato di voler raccogliere dati dal 2017 e di scambiarli per la prima volta nel 2018.

La partecipazione all'accordo è la logica conseguenza del riconoscimento in data 6 maggio 2014 da parte della Svizzera del principio per l'attuazione dello standard globale per uno scambio automatico di informazioni. L'accordo è in linea con il mandato di negoziazione deciso dal Consiglio federale l'8 ottobre 2014 (UE, Stati Uniti e altri Stati).

Il MCAA costituisce una delle basi per la futura introduzione dello scambio di informazioni transfrontaliero in ambito fiscale; le altre sono la Convenzione multilaterale dell'OCSE e del Consiglio d'Europa sulla reciproca assistenza amministrativa in materia fiscale, che il Consiglio federale ha firmato nel 2013, e una legge di attuazione che crea le premesse nel diritto interno per lo scambio di dati con l'estero. All'inizio del 2015 il Consiglio federale porrà in consultazione tutti questi avamprogetti, che seguiranno la procedura ordinaria di approvazione (consultazione delle cerchie interessate, messaggio del Consiglio federale al Parlamento, approvazione delle Camere e referendum facoltativo).

Con quali Paesi debba essere applicato lo scambio automatico di informazioni non verrà influenzato dalla firma del MCAA, poiché l'attivazione bilaterale dello standard con determinati Stati dovrà essere sottoposta per approvazione all'Assemblea federale.

Il MCAA disciplina le condizioni secondo lo standard OCSE per lo scambio annuo di informazioni in materia di conti tra le autorità competenti di due Stati. L'elenco degli Stati con cui verrebbero scambiate informazioni su base automatica potrà essere presentato in un secondo tempo.


Indirizzo cui rivolgere domande

Mario Tuor, capo Comunicazione, Segreteria di Stato per le questioni finanziarie internazionali SFI
tel. +41 58 462 46 16, mario.tuor@sif.admin.ch



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale delle finanze
https://www.efd.admin.ch/efd/it/home.html

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-55327.html