Protezione del clima: operativo il fondo per le tecnologie della Confederazione

Berna, 31.10.2014 - A partire dal 1° novembre 2014 è operativo il fondo per le tecnologie, uno strumento di politica climatica della Confederazione che accorda fideiussioni a imprese innovative. La Confederazione intende così promuovere le innovazioni volte a ridurre i gas serra o il consumo di risorse o a favorire l’uso delle energie rinnovabili.

Il fondo per le tecnologie è disciplinato nella legge sul CO2. Fino al 2020 sarà alimentato con un massimo di 25 milioni di franchi l'anno stanziati dai proventi della tassa sul CO2.

A partire dal 2015 il fondo potrà sostenere, mediante fideiussioni per mutui, le imprese che sviluppano e commercializzano nuovi prodotti e tecnologie rispettose del clima e delle risorse. Al riguardo possono ad esempio entrare in linea conto tecnologie innovative e rispettose dell'ambiente applicate nell'impiantistica, nel riscaldamento e nella refrigerazione, nella produzione, nell'immagazzinamento e nella gestione di energia o tecnologie volte a ridurre le emissioni nell'ambito di processi di produzione industriali, nell'agricoltura, nella selvicoltura come pure nella mobilità. Sono garantiti fino a 3 milioni di franchi per un massimo di dieci anni. In caso di valutazione favorevole, le imprese ricevono una promessa. La fideiussione è accordata a banche o altri mutuanti idonei.

Colmare la lacuna di finanziamento

Il fondo per le tecnologie sostiene le innovazioni commerciabili che senza una fideiussione non potrebbero essere realizzate. Inoltre colma la lacuna di finanziamento nel ciclo d'innovazione durante la fase di commercializzazione e aiuta in particolare le piccole e medie imprese svizzere ad acquisire capitale di terzi a condizioni vantaggiose. Infine svolge una funzione complementare agli strumenti di promozione della Confederazione esistenti, come ad esempio la promozione delle tecnologie ambientali e la ricerca energetica o le offerte di sostegno della Commissione per la tecnologia e l'innovazione (CTI).

Presentazione delle domande di fideiussione a partire dal 1° novembre 2014

L'esame delle domande e l'accompagnamento delle fideiussioni sono garantiti da una segreteria esterna affidata congiuntamente, nell'ambito di una procedura OMC, a Emerald Technology Ventures e South Pole Carbon (cfr. riquadro). La segreteria esamina le domande di fideiussione e le sottopone a un comitato di fideiussione, composto da rappresentanti della Confederazione e dell'economia privata. La decisione finale spetta all'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM).

Le domande di fideiussione possono essere presentate alla segreteria a partire dal 1° novembre 2014.

 

RIQUADRO:
La segreteria del nuovo fondo per le tecnologie 

Emerald Technology Ventures

Emerald Technology Ventures è un investitore leader a livello globale nei settori dell'energia, dell'acqua, dei nuovi materiali e delle soluzioni IT industriali. Dalla sua fondazione nel 2000, Emerald ha investito in oltre 50 nuove imprese attingendo a tre fondi di capitale di rischio ed è un Open Innovation Partner per numerosi gruppi industriali multinazionali. Emerald ha uffici a Zurigo (Svizzera) e Toronto (Canada) e dalla sua fondazione ha amministrato valori patrimoniali per oltre 660 milioni di dollari.

South Pole Carbon

South Pole Carbon offre soluzioni e servizi improntati alla sostenibilità. L'impresa è specializzata nello sviluppo di meccanismi di mercato che promuovono la lotta contro i cambiamenti climatici. L'impresa, la cui sede centrale è a Zurigo, ha 17 succursali in tutto il mondo. Nel 2014 South Pole Carbon è stata eletta per la quarta volta di seguito Best Project Developer nel settore Environmental Finance.


Indirizzo cui rivolgere domande

Sezione Media
Telefono: +41 58 462 90 00
E-mail: mediendienst@bafu.admin.ch



Pubblicato da

Ufficio federale dell'ambiente UFAM
http://www.bafu.admin.ch/it

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-55027.html