Il Consiglio federale intende negoziare la libera circolazione delle persone con l’UE

Berna, 08.10.2014 - Con l’approvazione dell’articolo 121a della Costituzione i cittadini svizzeri si sono espressi a favore del controllo e della limitazione autonomi dell’immigrazione. Il Consiglio federale vuole pertanto negoziare con l’Unione europea (UE) una modifica dell’Accordo sulla libera circolazione delle persone. Come annunciato a giugno e fatte salve le consultazioni necessarie, mercoledì il Consiglio federale ha deciso di avviare i negoziati con l’UE e ha adottato la bozza del relativo mandato negoziale.

Il Consiglio federale persegue con i negoziati due obiettivi di pari importanza. Da una parte si tratta di adeguare l'Accordo di modo che in futuro la Svizzera possa controllare e limitare l'immigrazione tutelando gli interessi globali dell'economia, dall'altra di assicurare la via bilaterale quale base dei rapporti con l'UE. Il Consiglio federale lo ha stabilito già nel piano di attuazione delle disposizioni costituzionali sulla regolazione dell'immigrazione del 20 giugno 2014. Con l'adozione del mandato, il Consiglio federale incarica la delegazione svizzera di condurre i negoziati; l'avvio vero e proprio dei negoziati richiede tuttavia il consenso dell'UE.

L'incarico di condurre i negoziati deriva dalle disposizioni costituzionali (art. 121a Cost. e art. 197 cpv. 11 Cost.) che prevedono che la Svizzera regoli autonomamente l'immigrazione.

La delegazione svizzera sarà guidata da Mario Gattiker, direttore dell'Ufficio federale della migrazione (UFM); Henri Gétaz, direttore della Direzione degli affari europei (DAE), sarà coresponsabile dei negoziati.

Prossima tappa
Il mandato negoziale sarà sottoposto per consultazione alle commissioni della politica estera delle Camere federali, alla Conferenza dei governi cantonali e alle parti sociali.


Indirizzo cui rivolgere domande

Philipp Schwander, Servizio d’informazione DFGP, tel. +41 58 465 17 88
Servizio d’informazione DFAE, tel. +41 58 462 31 53
Noé Blancpain, responsabile della comunicazione DEFR, tel. +41 58 462 39 60


Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale di giustizia e polizia
http://www.ejpd.admin.ch

Dipartimento federale degli affari esteri
http://www.eda.admin.ch/eda/it/home/recent/media.html

Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca
http://www.wbf.admin.ch

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-54761.html