Il Consiglio federale sottopone la Convenzione internazionale CEVA per ratifica al Parlamento

Berna, 19.09.2014 - Il Consiglio federale ha trasmesso oggi al Parlamento il messaggio concernente la Convenzione tra la Svizzera e la Francia relativa alla modernizzazione della linea ferroviaria Ginevra–Annemasse nel quadro del progetto CEVA. La Convenzione definisce i ruoli delle parti coinvolte su entrambi i lati del confine nella pianificazione, la realizzazione, l'esercizio, la gestione e il finanziamento della linea stessa e di un binario destinato ai treni svizzeri monocorrente nella stazione di Annemasse.

La modernizzazione della linea, che collega la città francese di Annemasse con la stazione Eaux-Vives di Ginevra, è un elemento indispensabile per la realizzazione del futuro collegamento Cornavin-Eaux-Vives-Annemasse (CEVA). Questo collegamento, lungo 16 chilometri di cui 2 km in territorio francese, permetterà la creazione di una rete regionale ininterrotta (RER) che coprirà un'area compresa tra Losanna, Bellegarde, Annecy, Saint-Gervais ed Evian, con un bacino di utenza di quasi un milione di persone. Il collegamento CEVA favorirà gli scambi tra la Svizzera e la Francia semplificando gli spostamenti transfrontalieri.

Il costo dei lavori per il tratto svizzero (pari a ca. 14 km), finanziato dalla Confederazione e dal Cantone di Ginevra, è stimato a 1,56 miliardi di franchi (prezzi ottobre 2008). I lavori per il tratto francese (2 km) sono finanziati dalla Francia, in virtù del principio di territorialità.

La Convenzione prevede una deroga a questo principio per la realizzazione, nella stazione di Annemasse, di un binario alimentato con corrente di trazione svizzera. La sua realizzazione è indispensabile per consentire l'ingresso dei treni svizzeri monocorrente in stazione, alla luce del fatto che i 2 chilometri di linea su suolo francese saranno allacciati alla rete elettrica del gestore dell'infrastruttura svizzero (FFS). Per finanziare questa misura la Confederazione erogherà un contributo forfettario una tantum di 15,7 milioni di euro. Il Consiglio federale la ritiene la soluzione economicamente più conveniente sia sotto il profilo tecnico che dell'offerta di trasporti.

La Convenzione bilaterale è stata sottoscritta il 19 marzo 2014 a Parigi dalla Consigliera federale Doris Leuthard e dal suo collega francese Frédéric Cuvillier.


Indirizzo cui rivolgere domande

Ufficio federale dei trasporti
Servizio stampa
Tel. +41 58 462 36 43
presse@bav.admin.ch



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Segreteria generale DATEC
https://www.uvek.admin.ch/uvek/it/home.html

Ufficio federale dei trasporti
https://www.bav.admin.ch/bav/it/home.html

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-54522.html