Maggiore sicurezza nel trasporto dei tifosi con i mezzi pubblici

Berna, 28.08.2013 - In data odierna il Consiglio federale ha trasmesso al Parlamento un progetto di modifica di legge che permetterà di rendere più sicuro il trasporto dei tifosi con i mezzi pubblici. La modifica consentirà di obbligare i gruppi di tifosi a utilizzare treni o autobus speciali anziché i mezzi di trasporto pubblici del servizio regolare. Inoltre, a determinate condizioni i club sportivi dovranno rispondere dei danni causati dai tifosi durante il trasporto.

Il comportamento di certi gruppi di tifosi durante le trasferte per assistere a incontri sportivi pone difficoltà alle imprese di trasporto pubblico. Regolarmente tifosi violenti causano danni ai treni e agli autobus, perturbano il servizio e minacciano la sicurezza degli altri viaggiatori. Attualmente, le imprese di trasporto si adoperano per separare i tifosi dagli altri passeggeri predisponendo per loro treni speciali. Visto l’obbligo sancito dalla normativa vigente, le imprese non possono però negare loro l’accesso ad autobus e treni del servizio regolare. Inoltre, poiché mancano gli strumenti per prevenire i danni al materiale rotabile, non si possono contenere efficacemente queste ed altre conseguenze negative legate al trasporto di tifosi.

Le modifiche proposte creano le basi per migliorare la sicurezza del trasporto dei tifosi. Il Consiglio federale prevede di introdurre un nuovo articolo nella legge sul trasporto di viaggiatori in virtù del quale le imprese ferroviarie e di autolinee potranno limitare o negare il trasporto con corse previste dall’orario dei tifosi in trasferta da o per una manifestazione sportiva. In alternativa potranno proporre il trasporto con treni speciali o noleggiati o con autobus speciali. Il Consiglio federale intende inoltre fare in modo che, a determinate condizioni, i club sportivi possano essere chiamati a rispondere dei danni materiali e dei danni alle persone causati dai tifosi che utilizzano i mezzi di trasporto pubblici.

Benché la maggior parte dei partecipanti alla procedura di consultazione abbia approvato l’allentamento dell’obbligo di trasporto, la sua attuabilità viene in parte messa in dubbio. Il Consiglio federale è tuttavia convinto che le modifiche proposte, unitamente al Concordato intercantonale sulle misure contro la violenza in occasione di manifestazioni sportive, esplicheranno l’effetto voluto. Il Concordato prevede peraltro ulteriori disposizioni, ad esempio l’obbligo di autorizzazione per le partite a rischio.


Indirizzo cui rivolgere domande

Ufficio federale dei transporti, Informazione, 031 322 36 43, presse@bav.admin.ch



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Segreteria generale DATEC
https://www.uvek.admin.ch/uvek/it/home.html

Ufficio federale dei trasporti
https://www.bav.admin.ch/bav/it/home.html

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-50006.html