Premio del cinema svizzero 2013: consegnato il premio d’onore alla regista di documentari Jacqueline Veuve

(Ultima modifica 13.03.2013)

Berna, 19.02.2013 - La registra romanda di film documentari Jacqueline Veuve riceverà in occasione del Premio del cinema svizzero 2013 il premio d’onore per la sua opera cinematografica. Alla cerimonia di premiazione, che si terrà il 23 marzo al Bâtiment des Forces Motrices a Ginevra, parteciperanno in onore del cinema svizzero personalità del mondo cinematografico, politico e culturale.

Oltre ai film nominati per il Premio del cinema svizzero 2013, è già stato reso noto che il premio d’onore sarà attribuito a Jacqueline Veuve. La regista di documentari sarà premiata dall’Ufficio federale della cultura per la sua intera opera cinematografica. Veuve è considerata una delle più importanti croniste della nostra epoca.  

Riconoscimento per la regista di documentari Jacqueline Veuve
Jacqueline Veuve è un mostro sacro del mondo del film documentario svizzero. Il suo lavoro rappresenta una parte della memoria collettiva del Paese. La cronista e registra di documentari, la cui opera sarà riconosciuta con il premio d’onore, ha realizzato ad oggi oltre 60 documentari di breve e lunga durata, proiettati ai festival di tutto il mondo e premiati con riconoscimenti internazionali. Veuve è nata nel 1930 a Payerne, ha studiato a Ginevra come documentarista e ha lavorato negli anni Cinquanta a Parigi presso il Musée de l'homme con l’etnografo e produttore cinematografico Jean Rouch. Negli anni Settanta al Massachusetts Institute of Technology ha realizzato dei cortometraggi sotto la direzione di Richard Leacock, rappresentante del Direct Cinema. Jacqueline Veuve è considerata una cronista del quotidiano. L’uomo e il suo lavoro, la vita in campagna e il lavoro manuale sono temi ricorrenti nei suoi film, come dimostrano i titoli «Jour de Marché» (2002), «Chronique vigneronne» (1999), «Chronique paysanne en Gruyère» (1990), «Les frères Bapst, charretiers» (1989) o «Boîtes à musique et automates» (1986). Molti dei suoi film come «Der Tod des Großvaters oder: Der Schlaf des Gerechten» (1978), «Claude Lebet, Geigenbauer» (1988) e «Die kleine alte Dame vom Capitol» (2005) sono ritratti precisi, sottili e impegnati. Il premio d’onore sarà consegnato durante la cerimonia di premiazione dal direttore dell’Ufficio federale della cultura Jean-Frédéric Jauslin e da Ivo Kummer, caposezione Cinema.   

Presentatrici e presentatori
La 16° cerimonia di premiazione si terrà il 23 marzo 2013 al Bâtiment des Forces Motrices di Ginevra e sarà presentata da Fabienne Hadorn e Alain Croubalian, conduttori della serata che vedrà premiate le dieci categorie del cinema svizzero: «Miglior film», «Miglior documentario», «Miglior cortometraggio», «Miglior film d’animazione», «Migliore sceneggiatura», «Migliore interprete femminile», «Miglior interprete maschile», «Migliore interpretazione da non protagonista», «Migliore musica da film» e «Migliore fotografia». A queste si aggiunge il Premio speciale dell’Accademia e il Premio d’onore, assegnato quest’anno a Jacqueline Veuve. Alla cerimonia sarà presente il consigliere federale Alain Berset. I premi saranno consegnati da:·        

  • Therese Affolter      
  • Daniel Cohn-Bendit      
  • Müslüm        
  • Anatole Taubman  

Premio del cinema svizzero 2013
Il riconoscimento ufficiale a favore del cinema è un impegno dell’Ufficio federale della cultura, realizzato con SRG SSR e l’Association «Quartz» Genève Zürich in collaborazione con SWISS FILMS, l’Accademia del Cinema Svizzero e le Giornate di Soletta  

Informazioni sulle nomination
Dal 1° marzo 2013 sui siti e www.premiodelcinemasvizzero.ch, rubrica «Media» e www.bak.admin.ch saranno disponibili informazioni dettagliate sulle candidate e i candidati al Premio del cinema svizzero 2013. 


Indirizzo cui rivolgere domande

Ivo Kummer, caposezione Cinema, Ufficio federale della cultura079 251 22 40, ivo.kummer@bak.admin.ch Susanne Goldschmid, responsabile supplente Comunicazione, Ufficio federale della cultura031 322 92 34, susanne.goldschmid@bak.admin.ch


Pubblicato da

Ufficio federale della cultura
http://www.bak.admin.ch

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-47820.html