Promozione dell’integrazione: rapporto annuale 2011

Berna, 17.10.2012 - Nel 2011 la Confederazione ha supportato l'integrazione dei rifugiati riconosciuti e delle persone ammesse provvisoriamente nei Cantoni in ragione di circa 36 milioni di franchi. Ha altresì investito 16 milioni di franchi a favore dell'integrazione degli stranieri. I fondi hanno consentito di promuovere in particolare la promozione linguistica, la mediazione di interpreti interculturali, l'integrazione sociale e professionale dei migranti e progetti particolarmente innovativi. È quanto emerge dal rapporto annuale 2011 "Promozione dell’integrazione da parte della Confederazione e impatto nei Cantoni", di cui il Consiglio federale ha preso atto mercoledì.

Nel 2011 l'Ufficio federale della migrazione (UFM) ha versato circa 16 milioni di franchi a favore della promozione specifica dell'integrazione degli stranieri. Ciò ha consentito ai Cantoni di potenziare le misure esistenti nel campo della promozione linguistica e di consolidare l'offerta. Grazie a questi fondi, una quindicina di servizi di interpretariato interculturale hanno mediato circa 150 000 ore di interpretariato, mentre i trenta Centri di competenza per l'integrazione hanno proseguito la loro attività di consulenza e informazione.

L'UFM ha altresì supportato un centinaio di progetti innovativi su scala sopraregionale o nazionale nell'ambito della promozione linguistica, del sostegno alla prima infanzia e dell'integrazione sociale e professionale dei migranti. Per la promozione linguistica sono stati predisposti obiettivi di apprendimento unitari nelle tre lingue nazionali. Sono altresì stati svolti progetti di prevenzione per contenere la problematica dei matrimoni forzati. I Cantoni hanno avuto modo di ampliare la loro offerta per l'integrazione di rifugiati riconosciuti e di persone ammesse provvisoriamente. Per tutti questi progetti, i Cantoni hanno ottenuto dalla Confederazione circa 36 milioni di franchi.

Programmi cantonali d'integrazione
Nel 2011 Confederazione e Cantoni hanno convenuto di disciplinare la promozione specifica dell'integrazione nel contesto di convenzioni di programma della durata di quattro anni a partire dal 2014. Tuttora i Cantoni stanno predisponendo programmi d'integrazione propri.

Dal canto loro, gli uffici federali hanno coordinato le rispettive attività con una rilevanza per l'integrazione, rafforzando la collaborazione nell'ambito della formazione professionale, delle assicurazioni sociali, dell'aiuto sociale e della migrazione. Sotto l'egida dell'Ufficio federale dello sviluppo territoriale, diversi servizi hanno portato avanti di concerto un progetto volto a promuovere l'integrazione sociale in alcune città e Comuni selezionati (Projets urbains).


Indirizzo cui rivolgere domande

Adrian Gerber, Ufficio federale della migrazione (UFM), tel. +41 31 325 9497



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale di giustizia e polizia
http://www.ejpd.admin.ch

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-46342.html