Il Consiglio federale ha licenziato la Strategia nazionale per la protezione della Svizzera contro i rischi informatici

Berna, 27.06.2012 - Nella sua seduta odierna, il Consiglio federale ha approvato la «Strategia nazionale per la protezione della Svizzera contro i rischi informatici». Per il coordinamento e l'attuazione della Strategia nazionale per la protezione della Svizzera contro i rischi informatici sarà creato un organo di coordinamento in seno al DFF. Con la Strategia il Consiglio federale intende approfondire la collaborazione tra le autorità, l'economia e i gestori di infrastrutture critiche per minimizzare i rischi informatici ai quali sono esposti quotidianamente.

Il 10 dicembre 2010 il Consiglio federale ha incaricato il DDPS di elaborare una Strategia nazionale per la protezione della Svizzera contro i rischi informatici. La Strategia fornisce informazioni su:

  • come si presenta la situazione di minaccia nel cyberspazio,
  • come la Svizzera e i gestori delle infrastrutture critiche sono equipaggiati per fronteggiarla,
  • dove si situano le lacune e
  • come rimediarvi nella maniera più efficiente ed efficace.

La Strategia identifica i rischi informatici in primo luogo come aspetti attinenti a processi e responsabilità già disciplinati. Di conseguenza tali rischi devono anche essere integrati nei processi attuali di gestione dei rischi. Occorre innanzitutto rafforzare presso i responsabili le basi d'informazione sui rischi informatici nonché la relativa percezione.

A tale scopo, il Consiglio federale ha incaricato i dipartimenti di occuparsi dell'attuazione delle misure al loro livello e d'intesa con le autorità cantonali e l'economia. Le misure spaziano dalle analisi dei rischi concernenti infrastrutture informatiche critiche fino a una più intensa tutela degli interessi svizzeri in tale ambito a livello internazionale.

Il Consiglio federale riconosce che in Svizzera la collaborazione tra autorità ed economia è generalmente consolidata e funziona bene. Con la Strategia nazionale per la protezione della Svizzera contro i rischi informatici esso intende approfondire tale collaborazione nell'ambito del cyberspazio e rafforzare ulteriormente le basi già esistenti per procedere in modo mirato alla minimizzazione dei rischi informatici. Pertanto punta sulle strutture esistenti rinunciando a creare un organo centrale di gestione e di coordinamento come invece è attualmente il caso in altri Paesi, comportando una collaborazione parzialmente meno pronunciata tra gli attori rilevanti.

Per contro, il flusso di informazioni e la valutazione globale delle informazioni disponibili sui rischi e le minacce informatici a favore delle autorità, dell'economia e dei gestori di infrastrutture critiche devono essere rafforzati e diffusi in modo conforme alle necessità. A tale scopo, la Centrale d'annuncio e d'analisi per la sicurezza dell'informazione MELANI) sarà potenziata.


Indirizzo cui rivolgere domande

Silvia Steidle
portavoce del DDPS
031 324 50 86


Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport
http://www.vbs.admin.ch

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-45138.html