Violenza nei rapporti di coppia: il Consiglio federale approva il rapporto intermedio

Berna, 22.02.2012 - Dal 2009, delle misure adottate per lottare contro la violenza nei rapporti di coppia, sette sono state attuate, altrettante sono in corso di attuazione, mentre altre quattro saranno concretizzate entro la fine del 2016. Al riguardo, il Consiglio federale ha approvato il rapporto intermedio stilato dall’Ufficio federale per l’uguaglianza fra donna e uomo UFU all’attenzione della Commissione degli affari giuridici del Consiglio nazionale, in cui viene fatto il punto sullo stato di attuazione delle venti misure annunciate nel «Rapporto sulla violenza nei rapporti di coppia. Cause e misure adottate in Svizzera» del maggio 2009.

Nel 2010, la Statistica criminale di polizia SCP, che figura nel novero delle misure annunciate, ha registrato 15'768 reati di violenza domestica, ossia il 3 per cento in meno rispetto all’anno precedente e il 41 per cento di tutti i reati violenti rilevati. Nello stesso periodo, sono stati registrati 54 tentati omicidi e 26 omicidi compiuti. In 19 di questi ultimi, le vittime erano donne, e nei rimanenti 7, uomini;
6 vittime erano minorenni.

Tra le sette misure attuate figura il rapporto sulle lacune nella ricerca sulla violenza nei rapporti di coppia in cui vengono individuati diversi campi tematici (ad esempio, «Comparsa, modello, dinamica e conseguenze della violenza nei rapporti di coppia», «Misure di prevenzione e di intervento adottate dallo Stato e dalla società civile» o ancora «Violenza nella coppia nel sistema famiglia: coppie e bambini testimoni di violenza») sui quali dovranno concentrarsi i futuri studi scientifici. Inoltre, sotto la responsabilità dell’UFU, è stato costituito il gruppo di lavoro interdipartimentale sulla violenza domestica (Interdepartementale Arbeitsgruppe Häusliche Gewalt IAHG), che funge da piattaforma centrale di coordinamento e interconnessione per gli attuali e i futuri campi di intervento, e su iniziativa dello stesso ufficio, è stata elaborata una nuova offerta di perfezionamento per giudici e pubblici ministeri.

Delle sette misure attualmente in corso di attuazione, una consiste nella realizzazione di uno studio che dovrà mostrare, ripartiti per vari settori di costo (ad esempio interventi della polizia, procedimenti penali ed esecuzione delle pene, consultori e altre misure per vittime di violenza e persone violente), i costi economici della violenza nei rapporti di coppia.

Per quattro misure, l’attuazione sarà completata al più tardi entro il 2016. Tra queste rientra la valutazione dell’articolo 28b CC sulla protezione della personalità dalla violenza, dalle minacce o dalle insidie, in vigore dal 1° luglio 2007, e dell’articolo 55a CP sulla sospensione del procedimento.

A livello federale, l’attuazione delle venti misure annunciate ha coinvolto o coinvolge, oltre all’UFU, incaricato tra l’altro del loro coordinamento, anche l’Ufficio federale delle assicurazioni sociali UFAS, l’Ufficio federale della sanità pubblica UFSP, l’Ufficio federale di giustizia UFG, l’Ufficio federale di statistica UST e l’Ufficio federale della migrazione UFM. Le risorse finanziarie necessarie provengono dai rispettivi budget ordinari.


Indirizzo cui rivolgere domande

Ufficio federale per l’uguaglianza fra donna e uomo
Sylvie Durrer, direttrice
Tel.: 031 322 68 40 - Natel 079 216 50 27
E-Mail: sylvie.durrer@ebg.admin.ch



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale dell'interno
http://www.edi.admin.ch

Ufficio federale per l'uguaglianza fra donna e uomo
https://www.ebg.admin.ch/ebg/it/home.html

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-43484.html