I lavori della NFTA avanzano rapidamente

Berna, 28.03.2006 - I lavori sui due assi della NFTA, Lötschberg e San Gottardo, avanzano rapidamente. I costi complessivi finali del progetto del secolo sono ancora stimati a 16,4 miliardi di franchi. È ciò che risulta dal 20° rapporto sullo stato dei lavori della NFTA, redatto dall'Ufficio federale dei trasporti (UFT) per gli organi di vigilanza parlamentari. La pianificazione delle compensazioni resta un compito cui sono chiamate ad occuparsi costantemente tutte le parti coinvolte nel progetto.

Nella seconda metà del 2005, la costruzione grezza della galleria di base del Lötschberg è stata in gran parte ultimata. Circa due terzi della galleria erano già stati consegnati per l’installazione dell’equipaggiamento tecnico-ferroviario. Alla fine del 2005 era stato posato il 59% dei binari; nel marzo 2006 tale percentuale è salita al 72%. La consegna della tratta di base per l'esercizio commerciale, parziale dal giugno 2007 e completo dal dicembre 2007, resta un obiettivo realistico, ma nel contempo impegnativo.

Tra luglio e dicembre 2005, al San Gottardo sono stati scavati 9,5 km di galleria. Alla fine del periodo in esame era stato scavato quasi il 55% dell'intero sistema di gallerie; a marzo di quest'anno la percentuale è già salita al 58%. Sono stati compiuti progressi anche a livello politico e di pianificazione. Nel Cantone di Uri, ad esempio, è stata negoziata una soluzione per l'attraversamento dello Schächen. La Confederazione ha rilasciato l'autorizzazione alla costruzione della galleria di base del Ceneri.

Poiché il progetto di costruzione della galleria del Ceneri evidenziava una spesa supplementare di 174 milioni di franchi, la Confederazione ha sollecitato un'ulteriore verifica del progetto e dei costi. L'UFT ha già informato al riguardo in febbraio. Dati i tempi di progettazione più lunghi e l'adeguamento del programma di costruzione, si prevede attualmente che l'entrata in servizio della galleria di base del Ceneri slitterà di due anni al 2019.

I costi complessivi del progetto sono ancora stimati a 16,4 miliardi

Alle condizioni sopra esposte, i costi complessivi per il progetto NFTA (prezzi del 1998) sono ancora stimati a 16,4 miliardi di franchi (30 milioni in più rispetto al rapporto precedente). Per contro, il rischio potenziale è aumentato di 100 milioni, attestandosi a 1,4 miliardi. La ragione principale di tale aumento è l'evoluzione dei costi della galleria di base del Ceneri. I costi stimati fino alla conclusione della NFTA (16,4 miliardi) e il margine di rischio (1,4 miliardi) totalizzano attualmente un possibile importo pari a 17,8 miliardi di franchi (prezzi del 1998). A tale importo si aggiungono il rincaro, gli interessi intercalari e l'imposta sul valore aggiunto.

I mezzi finanziari accordati dal Parlamento ammontano a 15,6 milioni di franchi. Vi è quindi una lacuna finanziaria pari a circa 0,8 miliardi di franchi rispetto ai 16,4 stimati. Il Consiglio federale può garantire, mediante liberazione di riserve, il finanziamento degli importi necessari fino al 2007/2008. A tale data saranno disponibili anche i risultati della verifica sul futuro sviluppo dei grandi progetti ferroviari. Nel contempo, probabilmente, sarà chiesto al Parlamento un ulteriore credito aggiuntivo. Eventualmente dovranno essere stralciati o ulteriormente accantonati anche alcuni progetti previsti nel decreto sul transito alpino. La NFTA è finanziata mediante il Fondo FTP.

La pianificazione delle compensazioni resta un compito cui sono chiamate ad occuparsi costantemente tutte le parti coinvolte nel progetto della NFTA. L’AlpTransit San Gottardo SA (ATG) è stata invitata a prendere in considerazione la possibilità di compensazioni, anche se ciò dovesse comportare la riduzione della durata di utilizzazione concordata o provocare limitazioni dell’esercizio.

Un'opera epocale con grandi benefici

Grazie a questi investimenti sta nascendo un'opera epocale, che regge il confronto con le opere pionieristiche della Confederazione, come il traforo del San Gottardo del 1882. La Svizzera ne trarrà grandi benefici: rapidi collegamenti ferroviari per il traffico passeggeri all'interno del nostro Paese, ma anche tra Svizzera, Germania e Italia. Inoltre la NFTA permette ottimi collegamenti nord-sud per il traffico merci ferroviario. La NFTA rappresenta lo strumento chiave per il successo nel trasferimento del traffico merci dalla strada alla rotaia.


Indirizzo cui rivolgere domande

Ufficio federale dei trasporti UFT, Public Affairs, 031.322.36.43



Pubblicato da

Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni
https://www.uvek.admin.ch/uvek/it/home.html

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-4312.html