Nuove regole per i taxi stranieri all'aeroporto di Zurigo

Berna, 13.07.2011 - In virtù dell'accordo sulla libera circolazione delle persone, per 90 giorni nell'anno civile i taxi tedeschi e austriaci possono portare e – su ordinazione – andare a prendere passeggeri all'aeroporto di Zurigo. Nel periodo rimanente sono autorizzati a effettuare solo corse di andata con passeggeri a bordo. La limitazione si applica a partire dalla seconda metà del 2012. È quanto convenuto tra Confederazione, Cantone di Zurigo e la Città di Kloten.

Nella riunione dell'8 luglio 2011 il gruppo di coordinamento formato da Confederazione, Cantone di Zurigo, Città di Kloten e aeroporto ha concordato le regole per le corse di taxi internazionali da e per l'aeroporto di Zurigo. Conformemente all'accordo sulla libera circolazione delle persone concluso tra la Svizzera e l'UE, si è stabilito che i taxi stranieri hanno il diritto di effettuare corse con passeggeri da e per l'aeroporto durante 90 giorni nell'arco dell'anno civile. La regola si applica in rapporto a ciascuna società di taxi e conducente incaricato o a ciascun taxista indipendente. Il Cantone di Zurigo, la Città di Kloten e l'aeroporto hanno preso atto dell'interpretazione del diritto compiuta dalla Confederazione.

Nel periodo restante dell'anno si applicano i trattati sui trasporti conclusi con la Germania e l'Austria nel 1953 e 1958. Secondo questi trattati, in tale periodo i taxi tedeschi e austriaci possono effettuare solo corse di andata con a bordo passeggeri diretti all'aeroporto di Zurigo. Visto che negli ultimi anni i trattati in questione non sono stati più applicati, ai sensi del principio della buona fede è concesso ai taxi stranieri un periodo transitorio fino al 1° luglio 2012 per prepararsi ad applicare le nuove regole.


Indirizzo cui rivolgere domande

Ufficio federale dei trasporti
Informazione
+41 31 322 36 43


Pubblicato da

Ufficio federale dei trasporti
https://www.bav.admin.ch/bav/it/home.html

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-40211.html