Il Consiglio federale fa bloccare eventuali averi dell'ex presidente tunisino Ben Ali depositati in Svizzera

Berna, 19.01.2011 - In occasione della sua seduta odierna il Consiglio federale ha deciso di bloccare con effetto immediato eventuali averi dell'ex presidente tunisino e del suo entourage depositati in Svizzera. Così facendo il Consiglio federale intende evitare qualsiasi rischio di appropriazione indebita di beni di proprietà dello stato tunisino. Le autorità tunisine hanno ora la possibilità di presentare alla Svizzera una domanda di assistenza giudiziaria in materia penale.

Atti di violenza e manifestazioni di massa hanno causato numerosi morti in Tunisia e fatto cadere il governo. L'ex presidente Ben Ali è fuggito dal Paese. Il presidente del Parlamento ha assunto ad interim i poteri.

Alla luce di questi ultimi sviluppi, il Consiglio federale intende adottare tutte le misure necessarie per evitare qualsiasi rischio di appropriazione indebita di averi statali. Le autorità tunisine avranno quindi la possibilità di presentare alla Svizzera una domanda di assistenza giudiziaria in materia penale. Con l'ordinanza adottata in data odierna il Consiglio federale ha deciso di bloccare con effetto immediato eventuali averi dell'ex presidente tunisino e del suo entourage depositati in Svizzera. Il Consiglio federale ha inoltre vietato la vendita e ogni alienazione di immobili delle persone menzionate.

L'ordinanza in questione entra in vigore già oggi. Agendo in questo modo il Consiglio federale vuole evitare che eventuali averi siano trasferiti dalla Svizzera all'estero e, di conseguenza, sottratti all'applicazione delle misure adottate. L'ordinanza ha una validità di tre anni. 

Per ulteriori informazioni:
Valentin Zellweger, direttore della Direzione del diritto internazionale pubblico,
tel. +41 31 322 30 61


Indirizzo cui rivolgere domande

Informazione DFAE
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel.: (+41) 031 322 31 53
Fax: (+41) 031 324 90 47
E-Mail: info@eda.admin.ch



Pubblicato da

Dipartimento federale degli affari esteri
https://www.eda.admin.ch/eda/it/dfae.html

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-37285.html