Revisione della legge federale sugli ostacoli tecnici al commercio (LOTC): entrata in vigore il 1° luglio 2010

Berna, 19.05.2010 - Il 19 maggio 2010 il Consiglio federale ha deciso l’entrata in vigore per il 1° luglio 2010 della nuova legge federale sugli ostacoli tecnici al commercio (LOTC). Parallelamente ha approvato la relativa ordinanza d’esecuzione, che entrerà in vigore congiuntamente alla nuova LOTC.

La revisione della LOTC permetterà l'applicazione automatica del cosiddetto principio "Cassis de Dijon". Di conseguenza i prodotti che sono legalmente immessi in commercio nell'UE o nello SEE possono per principio circolare liberamente anche in Svizzera senz'essere prima sottoposti a controlli supplementari. Eventuali eccezioni sono possibili soltanto per proteggere interessi pubblici predominanti. Le eccezioni stabilite nell'ordinanza d'esecuzione si basano sul decreto federale del 31 ottobre 2007. Per di più il Consiglio federale ha adottato delle eccezioni supplementari all'applicazione del principio "Cassis-de-Dijon" relative alla dichiarazione della carne di coniglio prodotta in sistemi di allevamento non autorizzati in Svizzera e all'efficienza energetica di certi apparecchi elettrici (frigoriferi e congelatori, asciugabiancheria domestiche elettriche, lavasciugatrice domestiche combinate, forni elettrici, set top box e motori elettrici). Con la revisione il principio "Cassis de Dijon" fornisce alla Svizzera un terzo strumento che aumenta le possibilità attuali (adeguamento autonomo delle prescrizioni svizzere sui prodotti a quelle dell'UE e accordi internazionali) di riduzione degli ostacoli tecnici al commercio nei confronti dell'UE.

Per le derrate alimentari è prevista una regolamentazione speciale di applicazione del principio del "Cassis de Dijon". Le derrate alimentari che non soddisfano le prescrizioni svizzere in materia di prodotti ma sono conformi alle prescrizioni tecniche dell'UE o di uno Stato UE/SEE e vi sono state legalmente immesse in commercio, possono essere immesse sul mercato anche in Svizzera. A tal scopo occorrerà per queste derrate, al momento della prima importazione, un'autorizzazione dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). Questa sarà rilasciata sotto forma di decisione di portata generale e vale per le derrate alimentari dello stesso genere. L'ordinanza disciplina i dettagli della procedura di autorizzazione.

Sono interessati dal principio "Cassis de Dijon" per esempio le derrate alimentari, i prodotti cosmetici, i tessili e le biciclette. Le conseguenze economiche della revisione della LOTC sono state esaminate nell'ambito di una valutazione degli effetti del nuovo disciplinamento. Secondo stime prudenti delle conseguenze della revisione sull'andamento dei prezzi si prevedono risparmi annui sulle importazioni dall'UE dell'ordine di diversi miliardi. Dopo l'entrata in vigore della revisione gli effetti della revisione sull'evoluzione dei prezzi saranno osservati e valutati su vari anni mediante la statistica generale dei prezzi e inchieste mirate .


Indirizzo cui rivolgere domande

Revisione LOTC
Christian Etter, SECO, ambasciatore, capo del campo di prestazioni Servizi specializzati Economia esterna, tel. +41 31 324 08 62
Heinz Hertig, SECO, capo del servizio Misure non tariffarie, tel. +41 31 324 08 35
Derrate alimentari
Roland Charrière, UFSP, vice direttore, tel. +41 31 322 95 05
Judith Deflorin, UFSP, sezione Notifica Cassis de Dijon, tel. +41 31 322 95 05



Pubblicato da

Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca
http://www.wbf.admin.ch

Ufficio federale della sanità pubblica
http://www.bag.admin.ch

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-33152.html