Le vittime della discriminazione razziale non sono sufficientemente tutelate

Berna, 23.02.2010 - La Commissione federale contro il razzismo CFR evidenzia le lacune dell’ordinamento giuridico nella tutela dalle discriminazioni razziali e chiede al mondo politico di scendere in campo a favore di una politica antirazzista efficace.

L’ordinamento giuridico svizzero denota molte lacune in questo ambito. Il divieto di discriminazione razziale sancito dal diritto penale contempla i reati commessi da estremisti di destra, le offese personali e la diffusione di testi diffamatori da parte di singoli individui. Tuttavia, poiché il razzismo è un problema che riguarda l’intera società, la mancanza di divieti analoghi espliciti soprattutto nel diritto privato e amministrativo crea non pochi problemi. Non passa, infatti, giorno senza che, nella ricerca di un alloggio o di un posto di lavoro o ancora nell’accesso a beni e servizi si verifichi una disparità di trattamento a causa del colore della pelle o dell’appartenenza etnica di una persona. Proprio in questi ambiti della vita quotidiana le disposizioni vigenti si rivelano spesso inefficaci. In adempimento agli obblighi assunti, il legislatore svizzero è tenuto a impostare il diritto in modo da offrire una tutela efficace alle vittime di discriminazioni.La CFR pubblica oggi il suo parere intitolato «Tutela giuridica dalla discriminazione razziale – Analisi e raccomandazioni» dove viene esaminato il diritto vigente circa la sua idoneità a contrastare la discriminazione razziale. Sulla base dell’analisi del quadro giuridico attuale, la CFR ha elaborato dieci raccomandazioni coordinate, traendo spunto dalle esperienze acquisite nei settori della parità dei sessi e delle pari opportunità dei disabili. In particolare, la CFR esorta il legislatore a inserire divieti di discriminazione razziale nel diritto privato e di vigilanza al fine di contrastare questo fenomeno nei rapporti tra privati. Inoltre, per promuovere l’effettiva esecuzione di tali divieti, chiede il potenziamento o l’istituzione di strutture di consulenza, organi di mediazione e uffici di conciliazione.


Indirizzo cui rivolgere domande

Maggiori informazioni:
Georg Kreis, presidente della CFR, tel. 061 281 23 25 o 061 317 97 67, georg.kreis@unibas.ch
Kathrin Buchmann, direttrice supplente della CFR, tel. 031 323 36 58, kathrin.buchmann@gs-edi.admin.ch


Pubblicato da

Commissioni del DFI


Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-31900.html