Firmata la convenzione sull’impianto laser europeo a elettroni liberi a raggi X XFEL

Berna, 30.11.2009 - Oggi è stata firmata ad Amburgo la convenzione internazionale relativa alla costruzione e all’esercizio dell’impianto laser europeo a elettroni liberi a raggi X XFEL. Questa infrastruttura di ricerca unica al mondo sarà realizzata dalla società a responsabilità limitata European XFEL GmbH, di cui fanno parte, oltre alla Germania in quanto Paese sede, dodici altri Paesi europei e la Cina. Da parte svizzera la convenzione è stata firmata dal segretario di Stato per l’educazione e la ricerca Mauro Dell’Ambrogio.

La Svizzera intende partecipare finanziariamente e con la fornitura di componenti e equipaggiamenti alla costruzione dell'impianto XFEL. Il Consiglio federale sottoporrà al Parlamento il relativo messaggio nei prossimi sei mesi. Fino all'approvazione delle Camere federali la convenzione sarà applicata provvisoriamente.

I componenti e gli equipaggiamenti forniti dalla Svizzera saranno progettati e prodotti dall'Istituto Paul Scherrer PSI, che avrà così la possibilità non soltanto di mettere a frutto, ma anche di sviluppare le proprie competenze specifiche. La costruzione di XFEL dovrebbe inoltre generare mandati per l'industria svizzera.

Oltre a Germania, Danimarca, Francia, Gran Bretagna, Grecia, Italia, Russia e Svezia fanno parte della società European XFEL GmbH la Svizzera, la Slovacchia, l'Ungheria e la Cina. La costruzione dell'impianto sul sito del DESY (Deutsches Elektronen-Synchrotron) ad Amburgo è stata avviata all'inizio del 2009. Il costo del progetto, che diventerà operativo entro il 2015, è stimato a un miliardo di euro.

XFEL sarà un'infrastruttura di ricerca unica al mondo. L'impianto permetterà di generare impulsi luminosi estremamente corti con proprietà simili ai raggi X e di aprire così nuove piste d'indagine nel campo della ricerca sulla struttura e sulla formazione delle molecole. Ciò dovrebbe permettere tra l'altro di comprendere meglio i processi chimici e, secondo le aspettative degli scienziati, fornire per esempio le basi per lo sviluppo di nuovi principi attivi in campo medico.


Indirizzo cui rivolgere domande

Segreteria di Stato per l'educazione e la ricerca SER
Andreas Werthmueller
Consulente scientifico Cooperazione multilaterale di ricerca
T +41 31 323 35 95
Hallwylstrasse 4
3003 Berna


Pubblicato da

Segreteria di Stato per l'educazione e la ricerca (SER) - a partire dal 1.1.2013 SEFRI
http://www.sbf.admin.ch

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-30374.html