In consultazione la proroga della moratoria relativa a "un’agricoltura senza OGM"

Berna, 08.12.2008 - Il Consiglio federale vuole prorogare per tre anni la moratoria relativa a “un’agricoltura senza OGM” che scadrà il 27 novembre 2010 e ha avviato la consultazione relativa alla modifica della legge sull’ingegneria genetica.

La moratoria "per alimenti prodotti senza manipolazioni genetiche", accettata dal Popolo e dai Cantoni, scadrà il 27 novembre 2010. Fino a tale data, saranno vietate la coltivazione di piante modificate geneticamente nell'agricoltura e la messa in commercio di animali geneticamente modificati destinati alla produzione di alimenti e di prodotti agricoli. L'immissione sperimentale è autorizzata a condizioni rigorose.  

Poco dopo l'adozione della moratoria, il Consiglio federale ha promosso il Programma nazionale di ricerca sui vantaggi e i rischi dell'immissione nell'ambiente di piante geneticamente modificate (NPR59), il cui scopo è di contribuire a colmare le lacune conoscitive nel settore. I risultati e il rapporto conclusivo del programma NPR 59 saranno pubblicati verso la metà del 2012.

Soprattutto per continuare e portare a termine senza pressioni politiche il programma NPR59, il 14 maggio 2008 il Consiglio federale ha deciso di chiedere al Parlamento una proroga triennale della moratoria e ha incaricato il Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC) di elaborare il relativo messaggio.

Il Consiglio federale ha ora avviato la consultazione relativa alla modifica della legge sull'ingegneria genetica che si concluderà il 13 febbraio 2009.


Indirizzo cui rivolgere domande

Georg Karlaganis, capo della divisione Sostanze, suolo, biotecnologia, Ufficio federale dell’ambiente UFAM, tel. 079 415 99 62



Pubblicato da

Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni
https://www.uvek.admin.ch/uvek/it/home.html

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-23687.html