IGP per il “Bratwurst di San Gallo / Bratwurst di vitello di San Gallo”

Berna, 26.08.2008 - L’Ufficio federale dell’agricoltura (UFAG) ha deciso di registrare il “Bratwurst di San Gallo / Bratwurst di vitello di San Gallo” quale indicazione geografica protetta (IGP). Nella sua decisione su opposizione l’UFAG giunge alla conclusione che l’eccellente fama di questo prodotto rappresenta un legame con l’ambiente geografico.

La pubblicazione della domanda di registrazione del "Bratwurst di San Gallo / Bratwurst di vitello di San Gallo" quale IGP è stata oggetto di un'opposizione concernente l'area geografica, la rappresentatività del raggruppamento richiedente e il legame della denominazione con l'ambiente geografico. L'opponente, inoltre, ha fatto valere una violazione della libertà economica e della legge sui cartelli. Dopo un accurato esame, le contestazioni dell'opponente sono state giudicate infondate. L'UFAG ritiene innanzitutto che l'eccellente fama del "Bratwurst di San Gallo / Bratwurst di vitello di San Gallo" e la sua lunga tradizione correlata a fattori naturali e umani siano sufficienti a dimostrare il legame di tale denominazione con l'ambiente geografico. Considerato che la denominazione "Bratwurst di San Gallo / Bratwurst di vitello di San Gallo" adempie tutte le condizioni per la registrazione di un'IGP, può essere protetta in quanto tale.

Il "Bratwurst di San Gallo / Bratwurst di vitello di San Gallo" è una salsiccia bianca scottata a base di carne di suino e di vitello che viene consumata arrosto o alla griglia. La sua particolarità è la combinazione di carne di vitello e di suino di provenienza esclusiva dalla Svizzera e dal Principato del Liechtenstein. La qualità del "Bratwurst di San Gallo / Bratwurst di vitello di San Gallo" non è data soltanto dalla composizione della materia prima, bensì anche dalle cognizioni tecniche dei macellai della Svizzera orientale.

La decisione su opposizione presa dall'UFAG può essere impugnata entro 30 giorni dinanzi al Tribunale amministrativo federale.


Indirizzo cui rivolgere domande

Isabelle Pasche, Unità di direzione Mercati e affari internazionali,
Servizio giuridico, tel. 031 322 25 39.


Pubblicato da

Ufficio federale dell'agricoltura
http://www.blw.admin.ch

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-20855.html