Swissmetro: prioritario dimostrare la fattibilità tecnica

Berna, 22.05.2002 - Il Consiglio federale ha ribadito mercoledì il proprio interesse per il prosieguo degli accertamenti tecnici per il progetto Swissmetro, ritenendo prioritario portare a termine questa fase prima di prendere un'ulteriore decisione. La Commissione per la tecnologia e l'innovazione (CTI), aggregata amministrativamente al Dipartimento federale dell'economia, esaminerà le possibilità di finanziamento del banco di prova in scala ridotta presso il Politecnico federale di Losanna (PFL).

Swissmetro, un sistema di trasporto di persone basato sulla tecnica della levitazione magnetica in un tunnel sotto vuoto, offre prospettive interessanti sulle distanze medie. Nell'ottica della politica dei trasporti, esso solleva comunque una serie di interrogativi in materia di sicurezza, d'interazione con i progetti ferroviari svizzeri e d'integrazione in un eventuale futuro sistema Eurometro.

Il Consiglio federale ritiene che prima di affrontare queste tematiche occorra valutare la realizzabilità tecnica del sistema. Si tratta, nei prossimi due anni, di risolvere i problemi legati agli aspetti aerodinamici del passaggio di un veicolo ad alta velocità in un tunnel di diametro ridotto (banco di prova Histar in scala 1/10, in una galleria lunga 500 m).

Questo progetto, realizzato presso il PFL, è appoggiato dal 1999 dal DFE e dalla Commissione per la tecnologia e l'innovazione (CTI). Per portare a termine i lavori preliminari, il DFE è disposto a esaminare un ulteriore finanziamento per una somma complessiva pari a 1,5-2 milioni di franchi.

Il Consiglio federale esaminerà a tempo debito i risultati di questo studio di fattibilità e, in base agli esiti, deciderà in merito alle modalità di sostegno delle prossime tappe del progetto Swissmetro.


Pubblicato da

Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni
https://www.uvek.admin.ch/uvek/it/home.html

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-1826.html