Raccordi sud: prima seduta per lo studio Lugano-Chiasso

Berna, 24 gennaio 2008, 24.01.2008 - In Svizzera e in Italia è attualmente all'esame una serie di varianti per il tracciato della nuova tratta di collegamento tra la NFTA e l'Italia. Oggi ha avuto luogo la prima seduta del gruppo incaricato di seguire lo studio Lugano-Chiasso. I lavori, curati dall'Ufficio federale dei trasporti (UFT) in collaborazione con le FFS e il Cantone Ticino, si svolgono nell'ambito dell'analisi delle capacità dell'asse nord-sud e, per quanto concerne la Svizzera, si incentrano sul corridoio Lugano-Chiasso. I risultati saranno disponibili a fine 2008 o inizio 2009.

Lo studio, commissionato dall'UFT per conto del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC), analizza la fattibilità e l'opportunità di quattro varianti di tracciato lungo il corridoio Lugano-Chiasso. Il gruppo di accompagnamento è composto da rappresentanti dell'UFT (direzione), del Cantone Ticino e delle FFS. Il mandato è stato aggiudicato al Consorzio d’Ingegneria RBM. Per l'esecuzione dei lavori è garantito il coordinamento con il Ministero dei trasporti italiano e con RFI, gestore dell’infrastruttura ferroviaria in Italia.

L'obiettivo dello studio, svolto nell'ambito dell'analisi delle capacità dell'asse nord-sud, è di migliorare a lungo termine i collegamenti ferroviari per il traffico merci e viaggiatori tra la Svizzera e l'Italia. In tal modo, a sud delle Alpi la NFTA sarà integrata in modo ottimale nella rete italiana ad alta capacità. Gli studi saranno conclusi a fine 2008 o inizio 2009.

L'Italia,che sta analizzando a sua volta tre opzioni per una nuova tratta lungo il corridoio Cadenazzo-Luino-Laveno ("Gronda Ovest"), ha già fornito i primi risultati. Attualmente gli esperti italiani stanno esaminando l'opportunità delle varianti. Anche per questi lavori è assicurato il coordinamento con la Svizzera.


Indirizzo cui rivolgere domande

Ufficio federale dei trasporti UFT, Informazione e informatica, 031 322 36 43


Pubblicato da

Ufficio federale dei trasporti
https://www.bav.admin.ch/bav/it/home.html

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-16960.html