Come proteggersi dalle ondate di caldo

Berna, 13.07.2007 - I prossimi giorni saranno caratterizzati da elevate temperature sia diurne che notturne. Anziani e persone bisognose di cura soffrono in special modo per le canicole e necessitano di particolare attenzione e assistenza.Le ondate di caldo causano numerose vittime: durante la torrida estate del 2003 morirono quasi 1000 persone in più rispetto a una normale estate. Per questo motivo l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) e l'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) informano sui rischi legati alla salute e sui possibili provvedimenti pratici per proteggersi.

Le ondate di caldo mettono in pericolo la salute di anziani, persone bisognose di cure, malati cronici e bambini piccoli. Grazie all'iniziativa di informazione «Come proteggersi dalle ondate di caldo» condotta dall'UFSP e dall'UFAM i parenti, il personale d'assistenza, i medici e le persone a rischio sono resi attenti sui rischi per la salute legati alla canicola. Dal 2005 sono distribuiti opuscoli, manifesti e schede informative sui pericoli portati dalle grandi ondate di caldo e sui possibili provvedimenti di protezione. Nel 2006, grazie al sostegno di oltre 20 organizzazioni partner e di numerosi Cantoni, sono stati distribuiti circa 190'000 esemplari della documentazione.

Così ci si protegge dalle ondate di caldo

In primo piano vi sono le informazioni pratiche sulle possibili conseguenze per la salute e sulla prevenzione. Le raccomandazioni più importanti sono:

  • non affaticarsi;
  • mantenere il più fresco possibile la casa e il proprio corpo;
  • bere molto (al minimo 1,5 litri);
  • consumare cibi freddi e rinfrescanti e badare ad assumere sale in quantità sufficiente.

Partenariati

Numerosi Cantoni e oltre 20 organizzazioni partner sostengono l'iniziativa d'informazione dell'UFSP e dell'UFAM. I Cantoni di Ginevra, Vaud e Ticino dispongono di un speciale dispositivo d'allarme per garantire, in caso di grandi ondate di caldo, una maggiore assistenza alle persone a rischio. Organizzazioni di cura come gli Spitex preparano il personale di assistenza, il personale di cura e gli anziani alla canicola. La Fondazione Svizzera di Cardiologia e la Lega polmonare informano in modo mirato giovani e anziani affetti da malattie cardiovascolari e delle vie respiratorie croniche.

Ulteriori informazioni: 

www.canicule.ch (in francese con alcuni documenti in italiano)


Indirizzo cui rivolgere domande

Ufficio federale della sanità pubblica, Ursula Ulrich, responsabile a.i. dell'Unità di direzione politica della sanità, tel. 031 322 95 05


Pubblicato da

Ufficio federale della sanità pubblica
http://www.bag.admin.ch

Ufficio federale dell'ambiente UFAM
http://www.bafu.admin.ch/it

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-13665.html