Battelli: i motori diesel nuovi devono essere dotati di filtri antiparticolato

Berna, 02.05.2007 - Il Consiglio federale ha modificato l'ordinanza sulla navigazione interna (ONI) e l'ordinanza sulle prescrizioni in materia di gas di scarico dei motori di battelli (OGMot), adeguandole allo stato della tecnica e alla normativa in vigore nell'Unione europea (UE). È introdotto tra l'altro l'obbligo dei filtri antiparticolato per i motori diesel nuovi dei battelli impiegati per il trasporto a titolo professionale. L'OGMot modificata entra in vigore il 1° giugno prossimo, l'ONI il 1° dicembre 2007.

La Svizzera recepisce parte della direttiva CE sulle imbarcazioni da diporto ampliata nel 2003. Il recepimento implica la revisione dell'ordinanza sulla navigazione interna (ONI) e dell'ordinanza sulle prescrizioni in materia di gas di scarico dei motori di battelli (OGMot). 

La revisione dell'ONI, la quarta, prevede soprattutto i seguenti punti: 

  • parziale recepimento della direttiva CE sulle imbarcazioni da diporto del 2003;
  • armonizzazione dei requisiti per la formazione e gli esami di conduttori di battelli per passeggeri e inasprimento dei requisiti per il trasporto di persone su battelli destinati al trasporto di merci.

 Anche dopo la revisione dell'ONI, sarà mantenuto il divieto di circolazione attualmente in vigore in Svizzera per le moto d'acqua. 

Valori limite più severi per i motori diesel 

Le prescrizioni concernenti i gas di scarico dei motori di battelli nelle acque svizzere (OGMot) sono in vigore dal 1° gennaio 1995. La Svizzera è stato il primo Paese ad avere introdotto prescrizioni a tutela delle acque, valide su tutto il territorio. Dal 1995 tuttavia, le regole tecniche per la misurazione dei gas di scarico e i relativi valori limite sono rimasti invariati. 

La revisione permette di adeguare le prescrizioni concernenti i gas di scarico ai nuovi standard internazionali. Un adeguamento necessario, questo, in quanto le attuali di­sposizioni non corrispondono più alla realtà del mercato dei motori. 

Per i motori a 4 tempi e per quelli diesel delle imbarcazioni sportive e da diporto si applicheranno in Svizzera gli stessi valori limite vigenti nell'UE. Ciò permette di semplificare l'omologazione in Svizzera dei motori prodotti nell'UE. L'omologazione dei motori a 2 tempi è effettuata se sono rispettati almeno i valori limite stabiliti per i motori a 4 tempi.  

Anche per quanto concerne i motori diesel dei battelli impiegati per il trasporto a titolo professionale, i valori limite dei gas di scarico vengono adeguati agli standard internazionali. Per i motori diesel di questo tipo di battelli è inoltre introdotto l'obbligo dei filtri antiparticolato. L'obbligo vale per le nuove imbarcazioni (battelli passeggeri e merci). Nel caso dei battelli già in esercizio occorre verificare, al momento della sostituzione dei motori, se l’installazione di filtri antiparticolato è tecnicamente possibile ed economicamente sostenibile.  

Nel 2006 il Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC) ha svolto una procedura di consultazione della durata di quat­tro mesi in merito alla revisione delle due ordinanze. Visti i risultati della consultazione si è rinunciato a prevedere valori limite di alcolemia per i conducenti di battelli. L'argomento sarà riesaminato in occasione di una prossima revisione della legge sulla navigazione interna.


Indirizzo cui rivolgere domande

Ufficio federale dei trasporti UFT, Informazione e informatica, 031 322 36 43


Pubblicato da

Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni
https://www.uvek.admin.ch/uvek/it/home.html

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-12349.html