Nuova regolamentazione del servizio di sicurezza nel settore dei trasporti pubblici

Berna, 09.03.2007 - Il Consiglio federale ha trasmesso alle Camere il primo nuovo pacchetto della riforma delle ferrovie 2 precedentemente respinta. Il pacchetto, contenente le parti meno controverse della riforma, riguarda la nuova regolamentazione del servizio di sicurezza nel settore dei trasporti pubblici. Il finanziamento dell'infrastruttura e il recepimento dei pacchetti ferroviari Ue saranno trattati in un secondo momento.

Nel dicembre 2005 le Camere federali avevano respinto il progetto di riforma delle ferrovie 2, invitando il Consiglio federale a risottoporre loro al più presto gli elementi meno controversi riuniti in un apposito pacchetto. Venerdì il Consiglio federale ha adottato il corrispondente messaggio complementare sulla riforma delle ferrovie 2, intitolato "Revisione della disciplina sui trasporti pubblici" (revisione TP).

La revisione TP concerne i seguenti punti:

  • Nuova regolamentazione del servizio di sicurezza: è in aumento il numero delle persone che evitano l'uso dei mezzi di trasporto pubblici nelle ore in cui circolano con minor frequenza, così come aumentano gli atti di vandalismo su alcune linee. Per ovviare a questa situazione si è deciso di sostituire la legge del 1878 sulla polizia delle strade ferrate, ormai superata, con la legge federale sui servizi di sicurezza delle imprese di trasporto. La nuova legge fornisce alle imprese di trasporto gli strumenti adatti a svolgere l'importante funzione che hanno in materia di sicurezza. L'obiettivo è quello di migliorare la sicurezza sui mezzi di trasporto pubblici per i viaggiatori, gli impiegati e l'esercizio.
    L'attuale polizia ferroviaria sarà sostituita da un servizio di sicurezza in grado di agire in tutti gli ambiti dei trasporti pubblici (ferrovia, autobus, battelli, impianti a fune). Le imprese di trasporto possono scegliere se esternalizzare il servizio o se affidarlo ai loro controllori, che a quel punto svolgerebbero due funzioni. I compiti della polizia comunale e cantonale restano invariati.
    Un importante strumento per identificare gli autori di reati contro le persone o le cose commessi nelle stazioni o sui mezzi di trasporto è costituito dalla videosorveglianza. Le registrazioni video possono essere conservate per un massimo di 100 giorni; ogni abuso al riguardo è punito.

  • Miglioramenti rispetto alle riforme attuate sinora nel settore dei trasporti pubblici: per garantire la parità di trattamento delle imprese di trasporto a livello di legge si prevede ad esempio di adeguare il finanziamento del materiale rotabile delle ferrovie private a quello delle FFS, che attualmente godono di una posizione privilegiata.

  • Esenzione fiscale: in futuro si intende farne beneficiare non solo le FFS ma tutte le imprese di diritto pubblico attive nel settore dei trasporti pubblici. Non saranno per contro esentate le imprese prive di concessione federale (ad es. quelle che trasportano merci) e i proventi da attività accessorie e immobili non strettamente legati all'esercizio oggetto della concessione.

Altri pacchetti concernenti la riforma delle ferrovie 2

Durante la procedura di consultazione relativa al messaggio sulla revisione TP si è criticata l'intenzione di includere nel messaggio la messa a concorso dei servizi regionali ordinati nel settore del traffico viaggiatori. Il Consiglio federale ha perciò deciso di trattare l'argomento in un messaggio a parte e di sottoporlo agli organi interessati nell'ambito di una procedura di consultazione su vasta scala.

È inoltre in elaborazione un altro pacchetto concernente il recepimento dei pacchetti ferroviari Ue 1 e 2. La revisione TF non comprende altresì la nuova disciplina del finanziamento dell'infrastruttura, particolarmente contestata dalle Camere. Anch'essa sarà trattata separatamente in un apposito messaggio.


Indirizzo cui rivolgere domande

Ufficio federale dei trasporti UFT, Informazione e informatica, 031 322 36 43



Pubblicato da

Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni
https://www.uvek.admin.ch/uvek/it/home.html

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-11384.html