Difesa terra-aria a media gittata: Kongsberg e MBDA non presenteranno offerte

Berna, 05.07.2024 - Il gruppo norvegese Kongsberg e quello europeo MBDA hanno informato l’Ufficio federale dell’armamento armasuisse che non parteciperanno al bando per un nuovo sistema di difesa terra-aria a media gittata. Il processo di valutazione prosegue come previsto.

Il gruppo norvegese Kongsberg e quello europeo MBDA hanno comunicato all’Ufficio federale dell’armamento armasuisse che non parteciperanno alla procedura di valutazione per un nuovo sistema di difesa terra-aria a media gittata (DTA MG).

Il ritiro delle due ditte fa seguito all’inoltro della domanda di offerta per il nuovo sistema da parte di armasuisse il 30 aprile 2024. Come potenziale produttore nel quadro del bando rimane l’azienda tedesca Diehl Defence.

Prosieguo del progetto

Il processo di valutazione proseguirà come previsto con l’obiettivo di acquistare il prima possibile un sistema DTA a media gittata e di aumentare in questo modo la capacità di difesa della Svizzera. Attualmente il Parlamento sta discutendo in merito alla possibilità di effettuare l’acquisto già con il messaggio sull’esercito 2024 anziché nel 2025 come previsto.

armasuisse si aspetta di ricevere l’offerta della ditta produttrice rimanente entro la metà di luglio 2024. Oltre ai costi, una decisione a favore dell’offerente rimasto nel terzo trimestre 2024 presuppone anche che quest’ultimo presenti un’offerta in grado di soddisfare i requisiti di armasuisse.

Il futuro sistema dovrà rispettare criteri militari, tecnici e logistici. Tra le altre cose, deve essere già efficacemente in uso. Un particolare valore verrà dato inoltre al coinvolgimento dell’industria svizzera. Il 100 per cento del prezzo di acquisto dovrà essere controbilanciato da affari di compensazione in Svizzera; l’offerta deve infatti contenere anche indicazioni su progetti offset perseguiti o già avviati.

La partecipazione alla European Sky Shield Initiative non sarà pregiudiziale per la scelta del tipo

Oltre ai requisiti militari, tecnici e logistici che il futuro sistema dovrà soddisfare, sarà considerato anche il suo potenziale sotto il profilo della cooperazione internazionale. Partecipando alla European Sky Shield Initiative (ESSI) la Svizzera amplia le proprie possibilità di cooperazione internazionale: l’ESSI consente infatti un migliore coordinamento dei progetti di acquisto, della formazione e degli aspetti logistici nel settore della difesa terra-aria. La partecipazione a questa iniziativa non prelude tuttavia alla decisione sul tipo, tanto più che l’iniziativa stessa non tange le competenze nazionali nell’ambito degli acquisti.

Il progetto «DTA MG»

«DTA MG» è un progetto d’acquisto volto al rinnovamento di importanti sistemi di difesa contraerea dell’esercito svizzero che mira a colmare una lacuna esistente a livello di sicurezza e capacità nella copertura aerea e nella protezione degli oggetti in maniera tale da poter combattere obiettivi aerei a media distanza integrando in questo modo la difesa terra-aria a lunga gittata con il sistema Patriot. I sistemi in uso al momento stanno per raggiungere la fine della loro vita utile. Gli odierni sistemi di tipo Stinger e di difesa contraerea media (DCA M) dispongono inoltre solo di gittate molto brevi, laddove i moderni aerei da combattimento impiegano invece le proprie armi da altitudini e distanze maggiori.


Indirizzo cui rivolgere domande

Samanta Leiser
Comunicazione armasuisse
+41 58 465 33 79



Pubblicato da

Armasuisse
http://www.ar.admin.ch/

Segreteria generale del DDPS
https://www.vbs.admin.ch/

Aggruppamento Difesa
http://www.vtg.admin.ch

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-101767.html